A- A+
Cronache
Poligamia, harem e cultura del "macho": così s'"intossicano" le relazioni

Poligamia e cultura del "macho": lettera di un lettore al direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino 

"Gentile Direttore,

da bambino ero circondato da adulti maschi che si vantavano di avere molte donne, o che fosse importante e necessario averne tante. Da mio padre, agli zii, ai grandi intorno a me, tutti uguali. Era una moda del periodo.

Di conseguenza dall'adolescenza in poi cercai sempre questa strada, l'harem, la poligamia (non il tradimento essendo una persona onesta che non ha mai tradito) e pensavo che l'unica strada per la felicità per l'uomo fosse avere tante donne. Poi ho vissuto, convivenze, matrimonio, periodi da solo, periodi poliamorosi, ed ho capito una cosa importante: una donna può bastare. Già l'ho capito un po' tardi.

LEGGI ANCHE: Emanuela Orlandi, documenti inediti sullo zio Mario e le molestie alla sorella

Ho anche capito che tutti quei don giovanni della mia infanzia non erano grandi uomini, ma persone piuttosto problematiche, spesso ossessionate, ma soprattutto dipendenti psicologicamente, affettivamente e sessualmente dalle donne.  Non riuscivano a stare soli. Probabilmente anche loro, come me, non avevano avuto un Padre presente e consapevole, modelli maschili positivi e maturi, che li avessero avviati alla conoscenza interiore. Oggi sorrido, mi fanno un po' tenerezza e pena questo tipo di maschi. Non è questo l'uomo del futuro. 

L'uomo deve essere autonomo, emotivamente libero ed emancipato.  L'uomo può essere da solo qualcosa di straordinario, indipendente, creatore di cose e idee. La sua felicità non risiede nell'approvazione di nessuno, neppure di una donna.

E' bello avere compagna e figli, gioie della vita, ma se non c'è autonomia, emancipazione, centratura interiore, se non raggiungi il tuo equilibrio da solo non potrai mai trovare partner adatti, avere storie durature, e non saprai mai se quelle che hai sono una scelta o un bisogno una stampella per la tua identità incompiuta. Sono felice oggi di essere ciò che sono. Non più manipolato da machismo, donne, corse in auto, dal dover dimostrare la maschilità attraverso la prepotenza.  Sono felice di essere uomo e basta.. perché mi sento equilibrato, innamorato, giusto. Non ho bisogno di opinioni altrui per definirmi, sapere chi sono.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cultura macho
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video

Arriva Storie Brevi

Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video


in vetrina
Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"

Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"





motori
Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.