A- A+
Cronache
Prescrizione: scatta la riforma, stop dopo la sentenza di primo grado

Scatta la nuova prescrizione. La riforma, contenuta nel ddl Anticorruzione approvato lo scorso anno e meglio noto come 'Spazzacorrotti', entra in vigore oggi. Il provvedimento, pubblicato in Gazzetta Ufficiale un anno fa, esattamente il 16 gennaio del 2019, e contenente "Misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione, nonche' in materia di prescrizione del reato e in materia di trasparenza dei partiti e movimenti politici", prevedeva appunto che le nuove norme sulla prescrizione entrassero in vigore non prima dell'anno successivo. Questo perche', durante la trattativa interna all'allora maggioranza gialloverde, la Lega ottenne un anno di tempo per mettere in campo una riforma complessiva del diritto processuale penale e civile, cosi' da stabilire una durata massima per i processi, soprattutto penali. Riforma che, pero', non ha ancora visto la luce. Nel frattempo, e' cambiata la maggioranza di governo, ma non le critiche e contrarieta' alle norme sulla prescrizione che, sin dall'inizio, sono state al centro di un duro scontro con magistrati e penalisti, e che rischiano di mettere a dura prova la tenuta dei giallorossi. Un vertice ad hoc sul tema giustizia e' stato fissato per il prossimo 7 gennaio.

La riforma-bandiera dei 5 stelle prevede che la prescrizione venga sospesa dalla sentenza di primo grado o dal decreto di condanna. In sostanza, la prescrizione termina di decorrere a partire dal primo grado di giudizio, senza fare alcuna distinzione, pero', tra sentenza di condanna e sentenza di assoluzione. Dunque, tutto 'congelato' fino alla data di esecutivita' della sentenza che definisce il giudizio o alla data di irrevocabilita' del decreto penale. E' inoltre modificata la norma sulla decorrenza della prescrizione con riferimento al solo reato continuato (di fatto e' ripristinata la disciplina anteriore alle modifiche introdotte dalla Legge n. 251/2005): il termine della prescrizione decorre, per il reato consumato, dal giorno della consumazione; per il reato tentato, dal giorno in cui e' cessata l'attivita' del colpevole; per il reato permanente dal giorno in cui e' cessata la permanenza; la novita' riguarda il reato continuato, per il quale il termine di prescrizione decorre dal giorno in cui e' cessata la continuazione. Questo il testo degli articoli del ddl Anticorruzione relativi alle nuove norme sulla prescrizione: "d) all'articolo 158, il primo comma e' sostituito dal seguente: "Il termine della prescrizione decorre, per il reato consumato, dal giorno della consumazione; per il reato tentato, dal giorno in cui e' cessata l'attivita' del colpevole; per il reato permanente o continuato, dal giorno in cui e' cessata la permanenza o la continuazione"; e) all'articolo 159: 1) il secondo comma e' sostituito dal seguente: "Il corso della prescrizione rimane altresi' sospeso dalla pronunzia della sentenza di primo grado o del decreto di condanna fino alla data di esecutivita' della sentenza che definisce il giudizio o dell'irrevocabilita' del decreto di condanna".

Loading...
Commenti
    Tags:
    prescrizionesentenza
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021

    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.