A- A+
Cronache
Prete ha una figlia e non la riconosce. Ma resta sacerdote in Friuli
Prete

Un sacerdote ha una figlia e non la riconosce. Ma viene assolto e può continuare a svolgere il suo ministero. La storia arriva da Verona, dove il tribunale ha assolto dall'accusa di "violazione degli obblighi di assistenza familiare" un sacerdote veronese di 45 anni, che ora svolge il suo ministero in Friuli, che non aveva riconosciuto una figlia nata da una relazione con una donna, pur ammettendo di esserne il padre biologico.

Relazione tra il 2015 e il 2017

La vicenda - raccontata da L'Arena - risale al 2015, quando fra i due era nata la relazione da cui, nel 2017, e' venuta al mondo la bambina. Nonostante il sacerdote avesse in un primo tempo promesso di voler adempiere ai suoi doveri di genitore, in realta' decise di abbandonare madre e figlia e di tornare al suo ministero. Confesso' anche alla Diocesi la sua condizione e venne riammesso allo stato sacerdotale, pur venendo trasferito di regione.

Per i giudici la donna può avere solo pretese economiche

La donna lo ha pero' denunciato, ma per i giudici non puo' venire imputato di aver mancato ai propri doveri. Per la magistratura, le uniche pretese che la donna puo' avanzare nei suoi confronti sono di natura economica, cui il religioso gia' provvede, e che eventualmente il giudice puo' aumentare. 

Commenti
    Tags:
    pretesacerdoteverona
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico





    casa, immobiliare
    motori
    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.