A- A+
Cronache
Qatar-gate, Panzeri confessa: "120mila euro a Tarabella”. E resta in carcere

Qatar-gate, Antonio Panzeri confessa: “Ho dato 120mila euro a Tarabella”

Svolta clamorosa nell’ambito dell'inchiesta Qatargate: come riporta il quotidiano belga l'Echo, l'ex eurodeputato di S&d, Antonio Panzeri, agli arresti, "avrebbe confessato a verbale, già lo scorso 10 dicembre, di aver dato più di 120 mila euro in contanti, in più tranche, all'europarlamentare socialista Marc Tarabella". Il dato emerge, da quanto riporta il quotidiano, dai documenti presentati al Parlamento europeo per la richiesta di revoca dell'immunità a Tarabella. La svolta quindi viene resa nota solamente oggi e certamente non sarà d'aiuto ai candidati del centrosinistra impegnati nelle regionali in Lombardia e Lazio.

Qatar-gate, l’ex eurodeputato Panzeri resta in carcere. Prossima udienza a febbraio

E nel frattempo Panzeri resta in carcere, dopo aver ritirato "per motivi personali" il ricorso contro la convalida della custodia cautelare, e per il quale era atteso oggi al Tribunale di Bruxelles. L'ex europarlamentare "comparirà nuovamente davanti ai giudici intorno al 15 febbraio" ovvero "a due mesi dalla prima convalida dell'arresto" legato all'inchiesta sul Qatargate, ha dichiarato Eric Van Duyse, direttore della comunicazione della Procura federale belga.

Qatar-gate, accordo tra Panzeri e la Procura: sconto di pena in cambio di informazioni 

Ma non è finita qui. La Procura federale belga, in un comunicato, ha infatti annunciato che Panzeri sta collaborando e ha firmato un documento ai sensi della cosiddetta "legge sui pentiti": "Si tratta di un impegno a rendere dichiarazioni sostanziali, rivelatrici, sincere e complete circa la partecipazione di terzi e, ove applicabile, la propria partecipazione, in relazione ai reati contemplati dal predetto fascicolo".

L’ex eurodeputato "si impegna ad informare gli inquirenti e la giustizia in particolare su: il modus operandi, gli accordi finanziari con terzi, le strutture finanziarie poste in essere, i beneficiari delle strutture poste in essere e i vantaggi offerti, il coinvolgimento di persone conosciute o non ancora conosciute nel caso, compresa l'identità delle persone che ammette di aver corrotto". In cambio? "La sanzione incorsa da Panzeri sarà effettiva ma limitata. Comprenderà la reclusione a 1 anno, la multa e la confisca di tutti i benefici patrimoniali acquisiti, attualmente valutati in un milione di euro”.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antoniocarcereconfessionepanzeriqatargatesolditarabella
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"

Inverno continuo

Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"


in vetrina
Barbara D'Urso più vicina alla Rai: pronta la fascia del sabato pomeriggio

Barbara D'Urso più vicina alla Rai: pronta la fascia del sabato pomeriggio





motori
E-GAP Station: trasformazione delle città in Smart City

E-GAP Station: trasformazione delle città in Smart City

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.