A- A+
Cronache
"Riconsegnare migranti ai libici è reato". La prima sentenza di condanna

"Riconsegnare migranti ai libici è reato". La prima sentenza di condanna

Dal tribunale di Napoli arriva una sentenza destinata a fare giurisprupenza. Riconsegnare i migranti alla guardia costiera libica è reato. È la prima volta - si legge su Avvenire - che in Europa si arriva a un verdetto di questa portata e che, di fatto, conferma come la Libia non possa essere riconosciuta come luogo sicuro di sbarco. Il giudice ha condannato il comandante della nave Asso28 a un anno di reclusione perché dopo avere soccorso 101 migranti, tra cui diversi minori e alcune donne incinte, accettò di consegnarli a Tripoli.

D’ora in avanti - prosegue Avvenire - qualsiasi nave civile coinvolta nei respingimenti rischia un processo e una condanna. La lettura delle motivazioni della sentenza, che come di consueto verranno depositate entro tre mesi, chiariranno cosa ha convinto la corte a ritenere il comandante colpevole di avere abbandonato i migranti che pure aveva soccorso a delle autorità di un Paese che le Nazioni Unite non riconoscono come “luogo sicuro di sbarco”. Sia il comandante che il rappresentante della compagnia di navigazione sono stati assolti dall’accusa di abuso d’ufficio.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    guardia costiera libiamigrantimigranti libiamigranti libia italiareato riconsegnare migrantisbarco migrantisentenza riconsegna migranti
    i più visti




    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.