A- A+
Cronache

Il magistrato di sorveglianza di Napoli ha disposto il ricovero in ospedale di Vincenzo Di Sarno, il malato terminale in carcere a Poggioreale per cui ieri il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha auspicato un iter veloce nel procedimento della grazia. Il giudice ha rigettato la richiesta di "sospensione provvisoria dell'esecuzione della pena e di applicazione della detenzione domiciliare provvisoria a termine" avanzata dai legali di Di Sarno.

Nel suo decreto, il magistrato Rosa Labonia ha rilevato che "non vi sono i presupposti per l’adozione di un provvedimento d’urgenza» dal momento che il soggetto non appare in immediato pericolo di vita e, peraltro, «rifiuta la terapia propostagli". Il magistrato ha, tuttavia, disposto il ricovero di Di Sarno in un ospedale "da individuarsi repentinamente a cura dell’amministrazione penitenziaria, sia sulla base della specializzazione oncologica della struttura, sia della rapida disponibilità al ricovero".

Tags:
ospedalericoverodi sarno
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.