A- A+
Cronache

 

Guerra tra i legali del Cavaliere e i giudici di Milano. E' stata approvata la vistita fiscale per Berlusconi. I difensori dell'ex premier sono usciti dall'aula. Il Cavaliere è ancora ricoverato al San Raffaele per una forma di congiuntivite. La difesa dell'ex premier aveva depositato una nuova istanza di legittimo impedimento ai giudici.

Caso De Gregorio, i pm di Napoli chiedono il processo immediato per Berlusconi

 

 

 

17.10  PROCESSO RINVIATO A MERCOLEDI' IN ATTESA NUOVI ACCERTAMENTI Il processo Ruby e' stato rinviato a mercoledi' prossimo in attesa degli accertamenti a cui Silvio Berlusconi verra' sottoposto nei prossimi giorni. Per questo, l'udienza fissata mercoledi' dovrebbe essere soltanto interlocutoria e servire a fare il punto sulle condizioni di salute dell'imputato. A confermarlo e' stato l'avvocato Nicolo' Ghedini: "I certificati che abbiamo presentato stamattina andavano nello stesso senso di quanto hanno stabilito i medici che hanno fatto la visita fiscale. Ora, in base a questi certificati, verranno effettuati ulteriori accertamenti, e quella di mercoledi' dovrebbe essere soltanto un'udienza organizzativa, poi pero', spero, il 18 dovrebbe parlare la Procura e il 25 le difese.

17.09 GIUDICI, SI' A LEGITTIMO IMPEDIMENTO BERLUSCONI  I giudici della quarta sezione penale del tribunale di Milano hanno accolto la richiesta di legittimo impedimento assoluto presentata dalla difesa di Silvio Berlusconi nel proceeso Ruby. Secondo i giudici, in base al certificato redatto dai medici fiscali, Berlusconi soffre di uno "scompenso pressorio" e ha quindi un impedimento assoluto a partecipare all'udienza. Il processo e' stato quindi rinviato.

17.08 Si' AL LEGITTIMO IMPEDIMENTO I giudici della quarta sezione penale, dato atto dell'esito dell'accertamento disposto sullo stato di salute di Silvio Berlusconi che attesta un scompenso "pressorio", hanno riconosciuto un assoluto impedimento e sospeso il processo sulla vicenda Ruby in cui Berlusconi è imputato. L'udienza è stata aggiornata a mercoledì prossimo.

Guerra tra i legali del Cavaliere e i giudici di Milano. E' stata approvata la vistita fiscale per Berlusconi. I difensori dell'ex premier sono usciti dall'aula dove si sta celebrando il processo Ruby. Il Cavaliere è ancora ricoverato al San Raffaele per una forma di congiuntivite. La difesa dell'ex premier aveva depositato una nuova istanza di legittimo impedimento ai giudici. Nel caso venisse rigettato Ilda Boccassini potrà concludere in giornata la sua requisitoria e chiedere la condanna di Berlusconi

I giudici dicono no alla richiesta di legittimo impedimento avanzata dai legali di Silvio Berlusconi Niccolò Ghedini e Piero Longo per partecipare alla riunione fissata dal Pdl alle 11 di questa mattina a Milano. LA DIRETTA

14.50 PARLAMENTARI PDL LASCIANO PALAZZO GIUSTIZIA - I parlamentari del Pdl che hanno 'invaso' il palazzo di giustizia se ne stanno andando. Niccolo' Ghedini e Piero Longo, i legali di Berlusconi, hanno indossato la toga e sono rientrati nell'aula dove, tra poco, i giudici dovranno leggere la decisione sul legittimo impedimento avanzato dalla difesa del Cavaliere. A quanto si e' appreso, la visita fiscale, a cui il Cavaliere e' stato sottoposto sul 'mandato' del tribunale, si e' conclusa.

14.31 PARLAMENTARI PDL ENTRANO IN TRIBUNALE MILANO - I parlamentari del Pdl, riunitisi fuori dal tribunale di Milano per protestare contro le ultime inchieste giudiziarie che hanno colpito Silvio Berlusconi sono entrati all'interno dell'edificio. Deputati e senatori si sono recati al primo piano, fermandosi 'simbolicamente' proprio davanti l'aula del processo Ruby.

13.37 CONF. STAMPA PARLAMENTARI PDL DAVANTI A TRIBUNALE - Si scioglie in fretta l'assemblea dei parlamentari del Pdl che questa mattina si sono riunti alla Camera di Commercio di Milano. Uscendo, spiegano che si stanno recando davanti al Tribunale di Milano dove si terra' una conferenza stampa per manifestare il disagio per l'accanimento giudiziario nei confronti del presidente del Pdl, Silvio Berlusconi.

12.50 GHEDINI, BERLUSCONI VUOLE FARE DICHIARAZIONI SPONTANEE - Silvio Berlusconi vuole presenziare alla requisitoria del pm nel processo Ruby e fare dichiarazioni spontanee. A renderlo noto e' l'avvocato del Cavaliere, Niccolo' Ghedini, arrivando alla riunione degli eletti del Pdl in corso a Milano. "Chiediamo soltanto - sottolinea - di poter finire questo processo in tempi normali, rispettando il diritto del cittadino e della persona malata che vuole presenziare alle udienze". Berlusconi, infatti, "vuole presenziare per ascoltare la requisitoria del pm, fare dichiarazioni spontanee, poter partecipare alle arringhe dei suoi avvocati e alle fasi finali del processo". L'avvocato continua: "Riteniamo la sua presenza indispensabile, lo ritiene anche lui come suo diritto costituzionale". Inoltre, prosegue Ghedini, "il certificato medico legale della Corte d'appello dice che non c'e' impedimento assoluto ma che la situazione psicofisica non e' idonea alla partecipazione al processo. E' per questo che sostanzialmente ce ne siamo andati sabato". "Oggi - aggiunge il legale - c'e' un altro certificato medico che da' conto di un'altra problematica di patologia. Riteniamo si debba essere un rinvio. Con la sospensione della prescrizione e un rinvio di una settimana non vediamo dove sia il problema". Per Ghedini, "la domanda che bisognerebbe fare al tribunale e alla corte e': perche' tanta fretta?".

GIUDICI, NO A LEGITTIMO IMPEDIMENTO LEGALI BERLUSCONI  No dei giudici del processo Ruby alla richiesta di legittimo impedimento avanzata dai legali di Silvio Berlusconi Niccolo' Ghedini e Piero Longo per partecipare alla riunione fissata dal Pdl alle 11 di questa mattina a Milano. Si tratta di un impegno, secondo il tribunale, che ha "natura squisitamente politica" e non istituzionale. Il collegio si e' anche richiamato al principio costituzionale della "ragionevole durata del processo" che fa "prevalere la necessita' di una celere trattazione di questo processo". Nelle prossime ore, Berlusconi verra' visitato dal cardiologo Cesare Fiorentini e dall'oculista Stefano Gambaro, che saranno affiancati dal medico legale Marco Grandi. E' la seconda volta nel giro di tre giorni che l'ex premier riceve una visita fiscale, dopo quella disposta nell'ambito del processo Mediaset, che aveva certificato la non assolutezza del legittimo impedimento motivato dall'infiammazione agli occhi che lo affligge da alcune settimane. Questa volta, pero', i medici dovranno pronunciarsi anche sui problemi cardiologici dell'imputato.

GIUDICI DISPONGONO VISITA FISCALE A BERLUSCONI - I giudici davanti ai quali si celebra il processo Ruby, hanno disposto che venga effettuata una visita fiscale a Silvio Berlusconi per accertare le "condizioni di salute dell'imputato" e se esista un legittimo impedimento assoluto che gli impedisce di partecipare all'udienza di oggi. Il collegio ha nominato un medico dell'istituto di medicina legale di Milano e due cardiologi che si recheranno al San Raffaele, dove l'ex premier e' ricoverato da venerdi' scorso, per effettuare la visita.

LEGALI BERLUSCONI LASCIANO AULA PER RIUNIONE PDL - Niccolò Ghedini e Piero Longo hanno lasciato l'aula del processo Ruby per recarsi alla riunione dei parlamentari del Pdl in Corso Venezia, a Milano. Proprio per poter partecipare a questo incontro, Longo e Ghedini avevano chiesto al collegio dei giudici, che ora sono in camera di consiglio, che venisse dichiarato il loro legittimo impedimento all'udienza di oggi. Al loro posto resta in aula l'avvocato Giorgio Perrroni in qualita' di sostituto processuale.

DAVANTI AL TRIBUNALE SPUNTANO SUPPORTER BOCCASSINI - "Grazie pm Ilda Boccassini", "Silvio la tua malattia è una farsa", "Boccassini sei un mito, vai!": nessun sostenitore di Silvio Berlusconi, come anticipato ieri sera dallo stesso ex premier, ma, a sopresa stamani davanti al tribunale di Milano, per il processo Ruby, si e' formato un gruppetto di 'supporter' di Ilda Boccassini. "Anche io ho avuto l'uveite ma non ho chiesto il legittimo impedimento" assicura anche una manifestante con tanto di cartello, altri slogan lodano l'operato dei giudici, proprio sugli scaloni dell'entrata principale di corso di Porta Vittoria. Tra i passanti c'e' chi annuisce e qualche altro si ferma a difendere l'ex premier perche' "sulle malattie non si scherza".

PM CHIEDE VISITA FISCALE PER BERLUSCONI - Il pm Antonio Sangermano, che insieme al procuratore aggiunto Ilda Boccassini rappresenta la pubblica accusa nel processo Ruby, ha chiesto ai giudici una visita fiscale al San Raffaele per accertare le condizioni di salute di Silvio Berlusconi, che e' ricoverato da venerdi' nel reparto oculistico a causa di una infiammazione agli occhi. I difensori del Cavaliere hanno chiesto il legittimo impedimento per l'imputato, in base a tre certificati medici provenienti dal San Raffaele. Uno di questi e' stato redatto da un cardiologo e gli avvocati non hanno voluto leggerlo in aula "per ragioni di privacy", consegnandone una copia ai giudici e alla procura.

GIUDICI IN CAMERA DI CONSIGLIO SU IMPEDIMENTO - I giudici della quarta sezione del tribunale di Milano si sono ritirati in camera di consiglio per decidere sulla richiesta di legittimo impedimento per Silvio Berlusconi motivato da ragioni di salute nel processo Ruby in cui l'ex premier e' imputato per concussione e prostituzione minorile. Gli avvocati Niccolo' Ghedini e Piero Longo hanno presentato anche un legittimo impedimento per loro perche' sono impegnati in una riunione che si svolge stamani a Milano, con inizio alle 11, nella quale alla presenza del segretario del Pdl Angelino Alfano si dovranno discutere, tra l'altro, il voto alle recenti elezioni, la nomina dei capigruppo alla Camera e al Senato e le commissioni parlamentari. ( Il pm Antonio Sangermano ha affermato che quest'ultimo incontro "non ha natura politico-parlamentare in senso stretto" e non costituisce quindi un legittimo impedimento, mentre per quanto riguarda l'impedimento medico di Berlusconi ha spiegato che "la documentazione medica deve essere prudentemente analizzata" e per questo "chiedo una visita fiscale per valutare l'assolutezza dell'impedimento e la prognosi e, in subordine, la nomina di un consulente da parte del tribunale che analizzi la documentazione medica per chiarire in modo sereno la problematica dell'imputato".

Tags:
rubyberlusconi congiuntivitelegittimo impredimento
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

Scatti d'Affari
Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”





casa, immobiliare
motori
Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.