A- A+
Cronache
Sardegna, assalto portavalori con sparatoria. Bottino da oltre 1 mln di euro
Assalto portavalori Sardegna

Sardegna, assalto portavalori con sparatoria. Il bottino è di oltre 1 milione di euro

Supererebbe il milione di euro, in banconote, il bottino dell’assalto al portavalori della Vigilpol di Sassari messo a segno ieri mattina, 30 novembre, sulla SS 131 da un commando armato. L'ammontare della somma è trapelato nella giornata di oggi da fonti investigative, ma fino ieri era stato ampiamente sottostimato: in realtà, infatti, il blindato trasportava una preda prelibata, le pensioni da consegnare negli uffici postali di Nuoro.

La banda di rapinatori, dalla ricostruzione della vicenda, sembrava conoscere nei minimi particolari i movimenti del furgone, ma si è trovata faccia a faccia con i Carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna, che passavano nella zona di Giave proprio mentre si compiva l'assalto al blindato. Le Forze dell'Ordine sono arrivati sul posto mentre i banditi svuotavano la cassaforte, costringendoli ad abbandonare metà del bottino e a innescare un conflitto a fuoco prima di darsi alla fuga su due auto rubate ritrovate in fiamme nella foresta. Proseguono le ricerche dei rapinatori; le indagini, condotte dai carabinieri del Comando provinciale di Sassari, con il coordinamento della pm Lara Senatore, potrebbero portare a breve a una svolta.

Intanto migliorano le condizioni delle due guardie giurate e della donna rimasti feriti nel corso della rapina: i tre ieri sono stati ricoverati al Santissima Annunziata di Sassari e potrebbero essere dimessi a breve, dopo aver affrontato interventi chirurgici. I due vigilantes per estrarre schegge conficcate nelle gambe, la donna per l'estrazione di un proiettile da un braccio. 

Il blindato, dotato di spumablock, un sistema che invade di schuma il vano in caso di rapina, è stato posto sotto sequestro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
assaltobottinoportavalorisardegnasparatoria
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"





motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.