A- A+
Cronache
Nomi, soldi, squadre e partite. Tutte le carte che fanno tremare il calcio
Il "Civ", secondo i pm è il "mister X" dello scandalo

Dal Milan all'Inter, dalla Lazio alla Juventus. Da Gattuso a Brocchi, da Mingazzini a Bombardini. La nuova puntata dello scandalo calcioscommesse tocca i "piani alti" dello sport più amato dagli italiani. Nuovi particolari sul "fratello" di Gattuso, citato da alcuni testimoni come tramite per le scommesse. Poi i rapporti pericolosi di "mister X" e "mister Y" con le società e dirigenti. Le visite del "Civ" a Milanello prima delle partite finite sotto inchiesta. La ricostruzione degli accordi nelle intercettazioni: "Compare, ho trovato 5 giocatori a 25mila euro l'uno e l'allenatore a 70 mila euro". E l'inquietante sospetto che le partite truccate siano proseguite anche negli ultimi mesi. Il 29 marzo 2013 Bazzani diceva a un amico al telefono: "Se hai bisogno di far qualcosa mi chiami". E l'altro: "Se è tornata la A volentieri".

LEGGI IN INTEGRALE LE NUOVE CARTE DELLO SCANDALO CALCIOSCOMMESSE

I DOCUMENTI DI AFFARI/ ECCO LE NUOVE CARTE DELLO SCANDALO CALCIOSCOMMESSE IN INTEGRALE

L'INTERVISTA DI AFFARI/ "Fama, potere e denaro". La verità sul rapporto tra calcio e mafia nell'analisi del pm anti-Camorra Raffaele Cantone

Acquista il libro di Affari Italiani Editore "TUTTO IL CALCIO VENDUTO PER VENDUTO - PARTE SECONDA"

L'INCHIESTA - Prima c'era stato Giuseppe Signori, il mitico centravanti di Lazio e Bologna. Poi era toccato a Cristiano Doni, storico capitano dell'Atalanta, e Stefano Mauri, capitano della Lazio. Ora, anche se a differenza degli altri non sono stati arrestati e sono solo indagati, tocca a Gennaro Gattuso e Christian Brocchi. Lo scandalo calcioscommesse continua, a più di due anni di distanza dal suo primo vagito. E continua a instillare dubbi sugli eroi del calcio. Tutti i coinvolti vanno considerati innocenti fino a prova contraria, ma di certo questi dubbi non fanno bene a un movimento che sta già soffrendo per tanti altri motivi, dalla crisi economica al razzismo negli stadi che sono ormai sempre più vuoti. Insomma, l'inchiesta partita per la combine di una partita di Lega Pro tra Cremonese e Paganese si chiamerà pure "Last Bet" ma qui l'ultima scommessa sembra non arrivare mai...

MISTER X E MISTER Y - Secondo i magistrati di Cremona, Francesco Bazzani e Salvatore Spadaro sono i due mister "X" e "Y" di cui si è parlato molto negli scorsi mesi. Secondo la procura si tratta delle due figure che operavano da tramite tra i gruppi di scommettitori e le società e si occupavano direttamente di "aggiustare" le partite sfruttando i rapporti con i calciatori. Ecco come il gip Guido Salvini descrive nella sua ordinanza i due arrestati: "Il primo, già operativo nel preesistente gruppo di SIGNORI col soprannome di “CIV”, in rapporto di amicizia nonchè in stretti e continui contatti col predetto, (col quale intratteneva circa 3000 rapporti telefonici), nonché con GIANNONE Francesco, BRUNI Manlio e SARTOR Luigi, costituiva uno strumento stabile nell’ambito dell’attività concernente le manipolazioni delle partite di calcio e delle scommesse. Utilizzando le sue entrature e conoscenze nell’ambito delle dirigenze, in particolare della serie A, e dei calciatori “disponibili” alla corruzione, concludeva accordi che per ogni singola partita potevano giungere ad un introito a suo favore, comprensivo del denaro necessario per la corruzione, di circa 700/800.000 € a incontro. Nell’ambito di questo contributo, interagiva con SPADARO Salvatore Francesco, detto il “vecchio”, che curava in particolare i rapporti con GEGIC ed ILIEVSKI, attraverso la mediazione di BELLAVISTA e di TISCI, ai fini del finanziamento delle manipolazioni".

I NOMI - Ormai i tifosi di calcio sono abituati, dal Totonero a Calciopoli in poi, a non dare nulla per scontato. Eppure il nome di Gattuso ha davvero sconvolto tutti. L'onestà e la dedizione di "Ringhio" sembrava inattaccabile, e lo è ancora allo stato degli atti. Ma secondo la procura di Cremona anche Gattuso ha intrattenuto rapporti con Bazzani. Ecco che cosa scrive il gip Salvini a proposito: "L’analisi dei contatti telefonici di BAZZANI, in occasione della menzionata partita CHIEVO - MILAN del 20 febbraio 2011, ha fatto emergere la singolare coincidenza di un contatto (un sms in uscita) con un’utenza intestata al calciatore del MILAN, GATTUSO Gennaro Ivan. Tale contatto ha consentito di verificare che BAZZANI, nel periodo oggetto di indagine, aveva intrattenuto 13 contatti con l’utenza in uso al calciatore, per 13 stagioni in forza al MILAN".

IL "FRATELLO" DI GATTUSO - Particolare importanza assumono i rapporti tra Bazzani e una persona vicina a Gattuso, un uomo di origini calabrese e residente a Gallarate. Scrive il gip che questo uomo vicino a Gattuso "entrava per la prima volta in contatto con il BAZZANI in data 2 marzo 2011. Di particolare interesse investigativo si rivelava quello inerente al contatto contemporaneo (nella stessa data) tra l’utenza del *** ed entrambe le utenze in uso al BAZZANI: quella “ufficiale” e quella inglese “riservata”, già emersa per i contatti illeciti intrattenuti con altri personaggi centrali dell’inchiesta quali BELLAVISTA Antonio, SPADARO Salvatore, SIGNORI Giuseppe, SARTOR Luigi, RAGONE Stefano e BOMBARDINI Davide". Una circostanza che, secondo i magistrati, pone sotto una nuova luce la testimonianza di Perumal. Si legge nell'ordinanza che la scoperta "sembrava rievocare, con enorme suggestione, le dichiarazioni rese da PERUMAL Wilson Raj, il quale, durante il suo stato di detenzione in Finlandia per reati connessi al match fixing, aveva dichiarato agli investigatori finlandesi ed italiani che gli indagati SULJIĆ Admir e LALIĆ Dino, definiti il “braccio operativo” serbo-croato del cartello criminale singaporiano riconducibili al noto TAN SEET ENG, avevano contatti in Italia con il “fratello” di GATTUSO. Sul punto le verifiche svolte all’epoca avevano consentito di accertare che GATTUSO Gennaro Ivan non aveva fratelli. Forse quindi PERUMAL aveva ricevuto tali dichiarazioni de relato da soggetti dell’organizzazione impegnati in Italia, che si volevano accreditare agli occhi del gruppo arbitrariamente il nome di un presunto parente stretto del noto calciatore del Milan. Ma molto più probabilmente il termine “fratello “ non era stato usato dagli interlocutori di Perumal nel suo significato letterale. Infatti è frequente nei linguaggi gergali e in vari contesti culturali usare il termine “fratello” non per indicare un consanguineo ma un amico fraterno e fidato".

LA DIFESA DI "RINGHIO" - "E' una persona seria, gli darei il portafoglio", ha detto di Gattuso il presidente del Palermo Zamparini. Sentimento comune a molti tifosi. Gattuso si è detto estraneo a tutta la vicenda dicendo che non saprebbe "nemmeno da dove iniziare" per truccare una partita e si è detto pronto "ad ammazzarsi in piazza" se venisse provata la sua colpevolezza. Il suo legale ha detto che andrà dal pm Di Martino per "chiarire tutto". E lo stesso giocatore si è detto disponibile, anzi voglioso, di recarsi al più presto in procura per dare la sua versione dei fatti.

LA LISTA DELLE PARTITE DI SERIE A SOTTO INCHIESTA (alcune anche del 2013)

NAPOLI-CHIEVO 3-0  31 maggio 2009; INTER-CHIEVO 4-3 9 maggio 2010: BOLOGNA-LAZIO 3-1 23 gennaio 2011; BRESCIA-CHIEVO 0-3 30 gennaio 2011; MILAN-LAZIO 0-0 1 febbraio 2011; CHIEVO-NAPOLI 2-0 2 febbraio 2011; CAGLIARI -CHIEVO 4-1 13 febbraio 2011; CHIEVO-MILAN 1-2 20 febbraio 2011; BRESCIA-LECCE 2-2 27 febbraio 2011; CHIEVO-PARMA 0-0 6 marzo 2011; MILAN-BARI 1-1 13 marzo 2011; INTER-LECCE 1-0 20 marzo 2011; JUVENTUS-BRESCIA 2-1 20 marzo 2011; BRESCIA-BOLOGNA 2-1 2 aprile 2011; BARI-SAMPDORIA 0'1 23 aprile 2011; GENOA-LECCE 4-2 23 aprile 2011; LAZIO-JUVENTUS 0-1 2 maggio 2011; PALERMO-BARI 2-1 7 maggio 2011; UDINESE-LAZIO 2-1 8 maggio 2011; JUVENTUS-CHIEVO 2-2 9 maggio 2011; MILAN-CAGLIARI 4-1 14 maggio 2011; LAZIO-GENOA 4-2 15 maggio 2011; SAMPDORIA-PALERMO 1-2 15 maggio 2011; LECCE-LAZIO 2-4 22 maggio 2011; PESCARA-SIENA 2-3 13 aprile 2013; PALERMO-BOLOGNA 1-1 14 aprile 2013; PALERMO-INTER 1-0 28 aprile 2013; ROMA-SIENA 4-0 28 aprile 2013; PARMA-ATALANTA 2-0 5 maggio 2013

CRONOLOGIA DELLO SCANDALO CALCIOSCOMMESSE

1 giugno 2011 - A Cremona parte l'inchiesta "Last Bet". Vengono arrestati Signori, Bellavista e Micolucci

19 dicembre 2011 - Secondo giro di arresti: in carcere Doni, Gervasoni, Carobbio, Sartor e Zamperini

28 maggio 2012 - In manette Stefano Mauri insieme ad altre 18 persone. La polizia arriva anche nel ritiro della nazionale azzurra a Coverciano per interrogare Criscito

28 novembre 2012 - Inizia a collaborare Almir Gegic, ritenuto il capo della cosiddetta "banda degli zingari".

 

Tags:
calcioscommesseintercettazionigattuso
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
DS3 E-Tense Crossback:protagoniste alla Marina di Santa Margherita Ligure

DS3 E-Tense Crossback:protagoniste alla Marina di Santa Margherita Ligure


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.