A- A+
Cronache
Pedofilia: processo da rifare per don Seppia a Genova

Processo da rifare per don Riccardo Seppia, il parroco di Sestri Ponente, a Genova, gia' condannato in appello a 9 anni e 6 mesi di reclusione per violenza sessuale su minore, tentata induzione alla prostituzione minorile, offerte plurime di droga e cessione di cocaina. La Corte di Cassazione la notte scorsa, accogliendo in parte il ricorso presentato dall'avvocato difensore, Paolo Bonanni, ha riformato la sentenza, rimandandola alla Corte d'appello di Genova per un nuovo processo. Violenza sessuale e induzione alla prostituzione sono stati qualificati come un unico reato, l'induzione alla prostituzione e' caduta ed e' stata riqualificata come atti sessuali con minori. Dunque la pena, secondo i giudici della Suprema corte, va rivista. L'indagine era stata condotta dai carabinieri del Nas di Milano che indagavano su un giro di droga e doping in night club frequentati da omosessuali. Riccardo Seppia e' rinchiuso nel carcere di Sanremo nel reparto dei "sex offenders".

Tags:
seppiapedofiliaprocesso
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra





motori
Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.