A- A+
Cronache
"Vi aspettavo", le ultime parole dei servitori dello Stato uccisi

LA SCHEDA

VI ASPETTAVO Mascali
 

Per la prima volta questo libro raccoglie le ultime parole di quei servitori dello Stato che le istituzioni non hanno saputo e molto spesso non hanno voluto proteggere. Il testamento spirituale di magistrati, investigatori, uomini che hanno fatto politica, sacerdoti, giornalisti, avvocati, che per non aver mai arretrato nel loro compito, anche se avevano chiara la percezione dell’isolamento e della morte dietro l’angolo, sono stati uccisi. Il libro riporta documenti, spesso inediti, messi a disposizione dai familiari o depositati in archivi di organi istituzionali. La loro voce e le loro ultime parole tra la vita e la morte confermano drammaticamente, ancora una volta, che in nessun altro paese del mondo cosiddetto civile le loro vite sarebbero state spezzate. Sono loro i nuovi partigiani della Repubblica italiana. Questo libro è anche un modo per rendergli onore lasciando a loro e solo a loro la parola.

Antonella Mascali, giornalista de «il Fatto Quotidiano», ha mosso i primi passi nel giornalismo quando era ancora al ginnasio, alla redazione de «I Siciliani», il mensile fondato da Pippo Fava, ucciso il 5 gennaio 1984 a Catania. Si è trasferita a Milano, nonostante l’amore per il mare e la sua città, e si è laureata in Scienze politiche all’Università Statale. Come inviata di Radio Popolare a Palermo ha seguito i fatti più tragici degli anni Novanta: l’omicidio di Libero Grassi, le stragi di Capaci e via D’Amelio. Tra i processi più importanti della storia recente d’Italia ha seguito, a Palermo, quello a Giulio Andreotti, Marcello Dell’Utri e Totò Cuffaro. A Milano, quello a Silvio Berlusconi, David Mills, Cesare Previti e per l’omicidio del commissario Luigi Calabresi. Ha scritto per Chiarelettere Lotta civile (2009), Il regalo di Berlusconi (con Peter Gomez, 2009), e ha curato il libro Le ultime parole di Falcone e Borsellino (prefazione di Roberto Scarpinato, 2012).

 

VI ASPETTAVO
LE ULTIME PAROLE DI CHI HA SACRIFICATO LA PROPRIA VITA PER TUTTI NOI

A cura di Antonella Mascali
Prefazione di Gian Carlo Caselli

«Sventurata la terra che ha bisogno di eroi.» Bertolt Brecht Italia 1978-2014.

Magistrati, giornalisti, preti, avvocati, professori, politici, investigatori: I servitori dello stato che lo Stato non ha saputo e molto spesso non ha voluto proteggere.

«Sono stato lasciato completamente solo.» Mario Amato, magistrato, ucciso il 23 giugno 1980

«Chiedo che ai miei funerali non partecipino né autorità dello stato né uomini di partito.» Aldo moro, politico, ucciso il 9 maggio 1978

«Io non mi sento protetto dallo Stato.» Paolo Borsellino, magistrato, ucciso il 19 luglio 1992

«Me L’aspettavo.» Don Pino Puglisi ai suoi killer, 15 settembre 1993

«Non mi sparate in faccia.» Marcello Torre ai suoi killer, 11 dicembre 1988

 

Venerdì 9 il libro sarà presentato al Salone del Libro di Torino

Sala Rossa – ore 13.00

untitled
 

LETTERE DEI CONDANNATI A MORTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA In occasione della pubblicazione di VI ASPETTAVO a cura di Antonella Mascali, prefazione di Gian Carlo Caselli Con Gian Carlo Caselli, Antonella Mascali Letture di Glenda Plumari

 

ESTRATTO DALLA PREFAZIONE DI GIANCARLO CASELLI (per gentile concessione di Chiarelettere)

L’elenco delle vittime della violenza omicidiaria terroristica o mafiosa, in Italia, è purtroppo sterminato. In questo libro – bello nella sua tragica cupezza – Antonella Mascali ne rievoca molte sull’uno e sull’altro versante, dedicando a ciascuna un lucido e preciso commento, intrecciato con citazioni – anche inedite o poco conosciute – di interventi degli stessi protagonisti, spesso struggenti perché testimoniano la consapevolezza dei rischi incombenti che si sarebbero poi concretizzati in un attentato mortale. Le fasce professionali e sociali cui appartenevano le vittime sono le più diverse: preti, magistrati, giornalisti, forze dell’ordine, esponenti della società civile, amministratori e politici onesti. La scia di sangue che unisce quasi tutte le persone colpite qui ricordate dalla Mascali è segnata dalla loro solitudine, con conseguente «logica» e ineluttabile sovraesposizione alla rappresaglia criminale. Al riguardo, fra le tante – con selezione certamente arbitraria di cui mi scuso – segnalo alcune posizioni.

Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, osannati da morti, sono stati ostacolati e vilipesi – umanamente e professio nalmente – da vivi. Secondo l’amico Paolo (discorso tenuto nel trigesimo della strage di Capaci), Falcone aveva cominciato a morire quando la maggioranza del Csm gli aveva incredibilmente negato la successione a Nino Caponnetto come capo dell’Ufficio istruzione, determinando l’inesorabile azzeramento del «pool» e la cancellazione del metodo di lavoro che era alla base del capolavoro investigativo- giudiziario del maxiprocesso.

Effetti contro cui Borsellino aveva coraggiosamente preso posizioni pubbliche decise, col risultato di essere sottoposto – dal Csm – a un procedimento paradisciplinare. Professionisti dell’antimafia, uso spregiudicato dei pentiti, pool trasformato in centro di potere, distorsione della politica a fini politici di parte: ecco il catalogo delle calunnie scatenatosi sulle loro teste. Ben sintetizzato da un giornalista, Lino Jannuzzi, che passa per un campione dell’Antimafia, mentre pochi mesi prima dell’assassinio di Falcone «Il Giornale di Napoli» da lui diretto aveva pubblicato un articolo non firmato (quindi riferibile al direttore) che testualmente sosteneva: «Giovanni Falcone e Gianni De Gennaro sono i candidati favoriti per la direzione rispettivamente della Dna e della Dia [...]. È una coppia la cui strategia, passati i primi momenti di ubriacatura per il pentitismo e per i maxiprocessi, ha approdato al più completo fallimento: sono Falcone e De Gennaro i maggiori responsabili della débâcle dello Stato di fronte alla mafia [...]. Se i “politici” sono disposti ad affidare agli sconfitti di Palermo la gestione nazionale della più grave emergenza della nostra vita, è, almeno entro certi limiti, affare loro. Ma l’affare comincia a diventare pericoloso per noi tutti: da oggi, o da domani, quando si arrivasse a queste nomine, dovremo guardarci da due Cosa nostra, quella che ha la Cupola a Palermo e quella  che sta per insediarsi a Roma. E sarà prudente tenere a portata di mano il passaporto».

Ubriacatura per il pentitismo, fallimento, débâcle, sconfitta, cupola mafiosa: una serie di delicati concetti, che Falcone avrà letto con lo stesso piacere con cui aveva saputo che alcuni corvi infami – nel 1989 – spargevano la calunnia che il fallito attentato all’Addaura se l’era organizzato da solo per farsi pubblicità. Quanto a Borsellino, umiliato con l’ostinato diniego a che si occupasse del pentito Gaspare Mutolo (divieto caduto soltanto negli ultimi giorni della sua vita), sono note le polemiche che investirono il procuratore Giammanco per l’insufficiente protezione del collega, nonostante dopo la morte di Falcone fosse evidente che la stessa sorte poteva toccare a lui, polemiche che costrinsero il procuratore a trasferirsi in Cassazione.

LO SPECIALE MAFIA DI AFFARI

PARLA IL PM DI MATTEO/ "Spero sia l'ultimo tentativo di spostare il processo. Verso di noi diffidenze istituzionali"

LE RIVELAZIONI DELL'EX CARABINIERE/ Moro, Br, Alkamar e... Le verità di Renato Olino

CASO ALKAMAR/ 22 anni in carcere da innocente. Giuseppe Gulotta racconta la sua storia

L'INTERVISTA 1/ Segreti sulle stragi, Imposimato: "Ma quale revoca, a me non danno gli atti su Moro"

L'INTERVISTA 2/ "I Grandi Architetti vogliono farmela pagare". Tutte le verità di Massimo Ciancimino

L'INTERVISTA 3/ "Così dovevo uccidere Borsellino". Parla il pentito di mafia Vincenzo Calcara

L'INTERVISTA 4/ Salvatore Borsellino: "Lo Stato non difende Di Matteo. Sul bomb jammer Alfano ambiguo"

L'INTERVISTA 5/ L'avvocato Giorgio Carta: "Complicato difendere Masi. Altri carabinieri potrebbero parlare"

L'INTERVISTA 6/ Sonia Alfano: "La trattativa tra Stato e mafia continua ancora"

L'INTERVISTA 7/ Il pm Nino Di Matteo: "Amnistia? Un aiuto alla mafia. Possibile un ritorno alle stragi"

L'INTERVISTA 8/ "Mio figlio operò Provenzano ed è stato ucciso da mafia e Servizi". La storia del medico Attilio Manca

L'INTERVISTA 9/ Da Moro a Falcone, dal Kgb alla Cia. Le verità di Imposimato sulle stragi

L'INTERVISTA 10/ Parla Amato, l'ex direttore del Dap: "Lo Stato ha ceduto alla mafia"

L'INTERVISTA 11/ Il procuratore di Lecce Cataldo Motta: "Concede prestiti e dà lavoro. Ecco perché la Scu ha consenso sociale"

L'INTERVISTA 12/ Il magistrato anticamorra Raffaele Cantone: "La verità sul rapporto tra calcio e mafia"

L'INTERVISTA 13/ Angelo Jannone, il primo infiltrato nella 'ndrangheta: "Vita dura, colpa di leggi e pm"

IL RETROSCENA 1/ "Bloccarono le mie indagini su Provenzano e Messina Denaro". E ora rischia l'espulsione dall'Arma. L'inquietante storia di Saverio Masi

IL RETROSCENA 2/ La mafia non lo voleva a Trapani, lo Stato lo trasferisce. La vicenda di Giuseppe Linares 

IL RETROSCENA 3/ Ipotizza doppia bomba e mano dei Servizi a Capaci. Rimosso il pm antimafia Donadio

Tags:
statomafialibro
in evidenza
Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano

Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti

FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.