A- A+
Cronache
Tav, chiesti 8 mesi per De Luca, Grillo lancia la campagna #IoStoConErri

Otto mesi di reclusione per istigazione a delinquere. Questa la richiesta di condanna formulata dal pm Antonio Rinaudo al termine della sua requisitoria al processo in corso a Torino per alcune dichiarazioni sui sabotaggi alla Tav contenute in un'intervista rilasciata dallo scrittore nel 2013. "Quando De Luca parla - ha detto Rinaudo - le sue parole hanno un peso importante. Le parole vanno rapportate anche alla qualita' di chi le pronuncia. De Luca ha notorieta', un passato di fama, e' conosciuto nel movimento che frequenta dal 2005, ha partecipato a numerose manifestazioni". Secondo il pm si possono concedere le attenuanti generiche per il comportamento processuale di De Luca che "ha risposto alle domande e non si e' mai sottratto". In termini giuridici - ha sottolineato Rinaudo - sabotaggio e taglio delle reti sono danneggiamenti".

Per lui "De Luca aveva ben chiaro in quelle due interviste il termine sabotaggio. La liberta' di espressione ha dei limiti, basti pensare all'offesa, al razzismo e all'istigazione alla violenza. Questo processo ruota intorno al termine sabotaggio e il sabotaggio implica l'uso della violenza. Il codice penale non lascia dubbi". "Non sono un martire, non sono una vittima, sono un testimone della volonta' di censura della parola", ha affermato lo scrittore in una pausa del processo. "Sono stupito della differenza tra gli argomenti prodotti e l'entita' della pena richiesta. Mi sarei aspettato il massimo. Questa sentenza sara' un messaggio sulla liberta' di espressione". Tra il pubblico dell'udienza c'erano anche alcuni simpatizzanti No Tav, tra cui il leader del movimento Alberto Perino. L'avvocato Alberto Mittone, legale di parte civile della societa' Ltf, chiede che la "sentenza emani un messaggio. La parola ha un peso, e' un aspetto decisivo della comunicazione. Le parole hanno un effetto, se non voglio che la mia parola vada fuori non accetto interviste". Chiede l'assoluzione la difesa di De Luca: "E' un processo alle parole - ha detto l'avvocato Gianluca Vitale nel corso dell'arringa - un processo di interpretazione delle parole, il diritto alla liberta' di manifestazione del pensiero resta uguale parlando di coltivazione di patate o di Tav". "Con questo processo l'Italia sta affrontando un esame, chiedo se queste parole possano essere pronunciate in un sistema democratico".

Grillo difende lo scrittore De Luca, #IoStoConErri - Beppe Grillo difende lo scrittore Erri De Luca: "Il pubblico ministero di Torino Antonio Rinaudo ha chiesto otto mesi di reclusione per lo scrittore Erri De Luca nel processo che lo vede protagonista con l'accusa di istigazione a delinquere per le dichiarazioni relative al caso Tav", spiega dal suo blog e riporta quanto detto dal pm: "Il pm ha dichiarato: 'nelle interviste rilasciate pubblicamente ha commesso incitazione a commettere il sabotaggio. E' indiscutibile che si debba concludere arrivando alla penale responsabilita' dell'imputato riconoscendo comunque le attenuanti generiche per il comportamento processuale e perche' non si e' mai tirato indietro rispetto alle domande dell'accusa e del giudice'. Erri De Luca ha risposto: 'Mi sarei aspettato il massimo della pena, invece sono stupito della differenza tra gli argomenti prodotti dall'accusa e un'entita' tanto esigua della richiesta. Non sono un martire, non sono vittima, non uno cui e' caduta una tegola in testa passeggiando, sono solo testimone di una volonta' di censura della parola'. Quindi, Grillo conclude lanciando l'hasthag #IoStoConErri.

Tags:
taverri de luca
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico





casa, immobiliare
motori
Volvo C40 Recharge ispira anche una collezione fashion

Volvo C40 Recharge ispira anche una collezione fashion


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.