A- A+
Cronache
Tumore al pancreas, c'è la svolta? Segnali molto incoraggianti da Torino

Tumore al pancreas, la frontiera del San Giovanni Bosco: azzerata la mortalità a 30 giorni dall’intervento. Segnali incoraggianti sul fronte di un tumore terribile

Segnali incoraggianti sul fronte di un tumore terribile, che molto spesso non perdona. Parliamo del tumore del pancreas - circa 900 nuove diagnosi in Piemonte, oggetto del recente congresso di Chirurgia organizzato dalla Chirurgia Generale 2 dell’Ospedale San Giovanni Bosco dell’Asl Città di Torino, centro di riferimento per la chirurgia pancreatica in Piemonte diretto dalla dottoressa Tiziana Viora. Diversi i temi affrontati nella quinta edizione: innovazione della tecnica chirurgica anche robotica, prospettive future di diagnosi e cura, analisi dei dati di attività relativi alla chirurgia pancreatica in Piemonte.

Nell’occasione, ed ecco la buona notizia come si legge su www.lastampa.it, sono stati presentati i dati recentemente pubblicati dal PNE, Piano nazionale esiti, che evidenziano gli ottimi risultati, soprattutto in termini di azzeramento della mortalità a 30 giorni per i pazienti operati dal Pancreas Group del San Giovanni. L’analisi statistica a cinque anni è in corso e per il momento non ci sono dati validati.

La seconda buona notizia, da cui dipende la prima, è la messa a punto di una nuova tecnica chirurgica: prevede l’asportazione più radicale del tessuto peritumorale, la preservazione di tutto lo stomaco, l’accesso all’addome attraverso ho una piccola incisione mediana di circa 18 centimetri oppure attraverso l’utilizzo del robot da Vinci. In aggiunta, l’impiego di fili di sutura di calibro molto esiguo, un decimo di millimetro.

«La chirurgia del pancreas è molto complessa e gravata, per la sua intrinseca difficoltà, da elevati tassi di morbilità e di mortalità perioperatoria e post-operatoria. - commenta la dottoressa Viora, che al suo attivo ha più di 600 interventi pancreatici come primo operatore o come tutor -. Per questo, è importante che il trattamento chirurgico di tale patologia sia concentrato presso i Centri che, per expertise e capacità organizzativa, mostrano i migliori standard quali-quantitativi».

A fare la differenza, anche in questo campo, sono la competenza e la tecnologia. «La recente introduzione del robot chirurgico da Vinci presso l’ospedale ha aperto nuove frontiere nella terapia chirurgica miniinvasiva del tumore del pancreas – sottolinea, non a caso, Carlo Picco, direttore generale Asl Città di Torino -. I risultati ottenuti confermano la bontà delle scelte intraprese, la validità del modello organizzativo e le competenze possedute dal gruppo diretto dalla dottoressa Viora».

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tumore pancreas
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove





motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.