A- A+
Cronache

Gli Usa sotto choc per l'ennesimo caso di violenza. Un bimbo di 4 anni è stato torturato e ucciso dalla fidanzata del padre, Kryzie King, 27 anni. La donna si è scagliata con violenza e senza scrupoli sul piccolo, Myls Dobson, picchiandolo a sangue con la fibbia della cintura e colpendolo ripetutamente alla testa, fino ad ucciderlo.

Il bimbo era stato affidato dal padre alla sua nuova fidanzata. Myls è stato ucciso all'interno di un appartamento nel palazzo Hell's Kitchen Partment della 48esima strada, a New York. Secondo quanto emerge Okee Wade, il padre del piccolo, si trovava in carcere da qualche tempo. Aveva affidato suo figlio alla neo fidanzata, conosciuta solo da qualche mese, invece che alla mamma.

Kryzie King però non ha esitato a torturare e uccidere il bambino innocente, senza alcuna pietà. Ad intervenire sul posto sono stati i paramedici e la Polizia. Entrati in casa si sono trovati di fronte una scena raccapricciante: il bimbo di 4 anni era privo di conoscenza, il suo corpicino risultava martoriato da contusioni e bruciature, e gli mancava anche qualche dente. A nulla è servita la disperata corsa in ospedale. Myls Dobson è morto a seguito delle torture alle quali era stato sottoposto.

Tags:
usavideobimbo
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra





motori
Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.