A- A+
Cronache
Vermocane invade il Sud d'Italia, incontro choc con un bagnante. VIDEO
Vermocane Torre Canne

Vermocane, piaga dell'estate 2024. L'incontro ravvicinato con un bagnante. VIDEO

Un ospite (indesiderato)  sta arrivando sulle spiagge e nelle acque dei nostri mari. Il vermocane, o verme di fuoco, sta creando allarme tra bagnanti e addetti ai lavori, a causa delle possibili ripercussioni sia sulla salute delle persone che sull'equilibrio degli ecosistemi marini. Questa specie, nota scientificamente come Hermodice Carunculata, si sta diffondendo soprattutto in Puglia, Calabria, Campania e Sicilia, alimentata dal riscaldamento delle acque del Mediterraneo.

Il nemico del mare e dei bagnanti

Il vermocane è un anellide carnivoro che rappresenta non solo una minaccia per i pescatori, a causa della sua predazione sulle specie marine catturate nelle reti, ma anche per i bagnanti. La sua presenza è diventata talmente problematica da aver spinto l'Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale a iniziare una serie di attività di monitoraggio e a cercare soluzioni per limitarne la diffusione. L'ecosistema marino, già fragile, rischia di subire danni irreparabili a causa di questa specie invasiva che, con il suo comportamento predatorio, minaccia l'equilibrio biologico delle zone colpite.

Ecco l'incontro ravvicinato di un bagnante col vermocane a Torre Canne (Puglia). Il video pubblicato da @stephanoxx su Tik Tok

 

Impatti sul turismo e sull'economia locale

Al di là delle conseguenze ambientali, la presenza del vermocane nelle acque del Sud Italia potrebbe avere ripercussioni significative anche sul settore turistico e sulla pesca, attività economiche vitali per queste regioni. La spiacevole notorietà acquisita tramite i social network, con testimonianze di incontri ravvicinati tra bagnanti e questo pericoloso invertebrato, sta mettendo in allerta chi pianifica vacanze nelle aree interessate. Questa situazione richiede un'azione coordinata e tempestiva per informare adeguatamente il pubblico e per mettere in atto strategie efficaci che limitino la proliferazione del vermocane, proteggendo così l'economia locale e la biodiversità marina.

Strategie e interventi previsti

Per far fronte alla piaga del vermocane, gli esperti stanno valutando una serie di misure che vanno dal monitoraggio più capillare delle sue movimentazioni, all'adozione di tecniche di cattura selettiva che possano ridurre i numeri della specie senza arrecare ulteriori danni all'ambiente. La collaborazione tra istituzioni, ricercatori e comunità locali sarà fondamentale per implementare soluzioni efficaci e sostenibili, che permettano di convivere con questo nuovo problema senza che esso comprometta la bellezza e la salute delle nostre coste.

LEGGI ANCHE: Allarme Pfas nei corsi d'acqua: regioni italiane contaminate. Ecco quali

Consigli per i bagnanti

Nel frattempo, è importante che i bagnanti siano informati sui potenziali rischi e sulle precauzioni da adottare quando frequentano le spiagge affette da questa problematica. Evitare di toccare organismi sconosciuti, informarsi sulle condizioni delle acque presso le autorità locali e seguire eventuali raccomandazioni o divieti, sono passi fondamentali per proteggere la propria salute e contribuire alla preservazione del patrimonio marino.

In sintesi, la comparsa e diffusione del vermocane lungo le coste del Sud Italia rappresenta una sfida non solo per la ricerca scientifica ma anche per la società civile, che deve essere pronta ad adottare comportamenti consapevoli e rispettosi dell'ambiente marino. Con un impegno congiunto e con l'adozione di strategie mirate, sarà possibile mitigare l'impact di questa specie invasiva e garantire la tutela degli ecosistemi marini che costituiscono una risorsa preziosa per il futuro del nostro pianeta.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


in vetrina
Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina

Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina





motori
DACIA: un modello di business unico per redditività elevata

DACIA: un modello di business unico per redditività elevata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.