A- A+
Cronache
Verona, 13enne morto investito. "Ora una raccolta fondi": l'annuncio su Affari
Chris Abom

Chris Obeng, travolto e ucciso da un'auto. La società di calcio ad Affari: "Abbiamo aperto un conto per raccogliere fondi in suo favore"

Una raccolta fondi per aiutare la famiglia e ricordare Chris Obeng Abom, il ragazzino di quasi 14 anni classe 2009 che la sera di lunedì è stato travolto sul ciglio della strada da un’auto a San Vito di Negrar, nel Veronese.

È questa l’idea, già concretizzata, che ha avuto la Polisportiva Negrar, società di calcio nella quale l’adolescente – tesserato Figc - giocava nelle giovanili, ma che con la formazione maggiore partecipa al campionato di terza categoria.

La Procura: "L'uomo non si poteva arrestare"

"L'automobilista non si poteva arrestare, non c'era flagranza di reato. Se si fosse proceduto all'arresto sarebbe stato illegale. Al massimo si poteva valutare il fermo di pg. Ma, al 99%, anche questo non sarebbe stato convalidato". Così all'Ansa il sostituto procuratore di Verona Bruno Bruni, sulle polemiche sorte dopo l'investimento del 14enne Chris Abom, per il quale è stato denunciato in stato di libertà l'operaio 39enne ritenuto responsabile del fatto. "I carabinieri - ha aggiunto - hanno valutato che non vi fosse pericolo di fuga. Certo, si era allontanato dal luogo dell'incidente, ma era tornato a casa, non era scappato".

LEGGI ANCHE: Verona, auto travolge e uccide un 13enne: individuato l'operaio 39enne fuggito

Aveva tutta la vita davanti Chris Obeng, e un sogno: diventare calciatore professionista. Tutto strappato via nel tragico incidente per il quale è stato fermato un 39enne italiano che aveva mancato di soccorrerlo. A esser straziati dal dolore i genitori di Chris, insieme a sua sorella e a suo fratello Samuel; i compagni di classe, che lo hanno ricordato, ma anche quelli di calcio, che come lui correndo dietro un pallone inseguivano grandi sogni.

E a parlare con Affaritaliani.it è stato il presidente della Polisportiva Negrar, Matteo Zanotti: “Chris era un bravissimo ragazzo, sempre con il sorriso in volto, simpatico e molto integrato tra gli altri giocatori, sia quelli del 2009 ma anche quelli del 2010”. La sua passione per lo sport era tale che “veniva spesso al campo anche quando non doveva allenarsi. Lì vicino c’è anche un parco giochi, in cui amava divertirsi con i suoi amici, giocando anche a basket”.

Il dolore dei compagni di squadra, continua Zanotti, “è inspiegabile. I ragazzi sono devastati, dispiaciutissimi e ovviamente molto tristi”. Da qui, spiega il presidente della Polisportiva, l’idea di aprire un conto corrente intestato alla società ma per raccogliere fondi e aiutare la famiglia di Chris, mantenendo vivo il suo ricordo. “Con tutta probabilità i funerali verranno celebrati la settimana prossima, e noi ci saremo”, ha concluso.

 

 

Chris Abom raccolta fondi

Gli estremi bancari per la raccolta fondi per aiutare la famiglia di Chris Abom

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
13enneautocalcioinvestitosquadraverona
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista





motori
Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.