A- A+
Culture
Arte, Sabrina Ravanelli e i suoi "(Im)personal portrait" a Milano

A quattro anni dalla sua ultima mostra, allo Spazio Aurum di Pescara, Sabrina Ravanelli, una delle autrici più interessanti della X generation, torna finalmente a esporre in pubblico i suoi lavori. E lo fa in grande stile. Con la personale “(Im)personal portrait” è infatti l'Artista del mese di Mondadori, che per quattro settimane, da oggi sino al 5 marzo, ospiterà i suoi lavori presso lo Spazio Eventi del suo più importante Megastore, quello di Piazza del Duomo a Milano.

Conosciuta nell'ambiente della contemporary art come Material's queen, la regina dei materiali, Ravanelli, trentina di nascita, ma milanese d'adozione, laureata all'Accademia di Belle Arti di Brera, ha infatti concentrato la propria ricerca sui materiali, che non rappresentano un semplice mezzo per dipingere, bensì diventano l'essenza stessa dell'opera. Ha iniziato, subito dopo l'accademia, a realizzare tele materiche, con colle, sabbie, resine, sperimentando anche reazioni chimiche.

E' poi passata al nastro adesivo. Le tele vengono coperte da nastro, che viene poi parzialmente dipinto utilizzando resine. Il nastro adesivo non è un semplice supporto su cui dipingere, ma viene strappato, piegato, lavorato, contribuendo in modo determinante alla realizzazione del soggetto finale.

ravanelli (4)
 

"Lo scotch (ndr. come viene comunemente chiamato il nastro adesivo, anche se in realtà è il nome commerciale di un prodotto 3M)", racconta Sabrina, "mi attrae per alcune sue caratteristiche: è trasparente, unisce, aggiusta quello che si rompe". Nella più recente fase del suo iter artistico, Sabrina va oltre:  si accanisce  sulla tela, squarciandola. Squarci  che vengono coperti dallo scotch, ormai protagonista assoluto dell'opera. Una ricerca unica nel panorama dell'arte contemporanea. "Mi piace la metafora della ferita rimarginata grazie allo scotch», aggiunge Sabrina, che nella mostra milanese presenta in anteprima questi ultimi lavori, «inoltre, ricoprendo tutto col nastro ottengo l'effetto del vuoto, là dove la tela non esiste più e del pieno, dove invece quel che resta della tela è coperta dallo scotch. I soggetti di questa esposizione sono tutti ritratti al femminile, che vengono declinati appunto in modo impersonale, la dove dominano le trasparenze e al tempo stesso personale, la dove la tela continua a esistere. Perché ogni persona tende a mostrare aspetti della sua personalità e a lasciarne in ombra altri".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sabrina ravanelliartista del mese di mondadoriarte
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.