A- A+
Culture
"Dal tratto alle parole" di Mario Pugliese e Nicola Vacca

di Alessandra Peluso

 

Dal tratto alle parole” è il frutto della collaborazione tra Nicola Vacca, poeta, e Mario Pugliese, artista. È un omaggio ad alcuni giganti, quasi tutti vissuti nel Novecento, o comunque sofferenti testimoni della modernità; così scrive Alessandro Vergari nella prefazione, e, a ben vedere, sfogliando le pagine di questo libro, si profilano segni, ri-tratti definiti dalla penna di Pugliese e sottobraccio, si leggono le poesie di Vacca.

Nei versi c’è la vita di illustri personaggi quali Albert Camus, Cesare Pavese, Virginia Woolf, si dispanano croci e delizie, emozioni vissute dallo stesso Nicola Vacca. È chiaro come quanta letteratura sia nell’anima del poeta, ed è altrettanto evidente di come “le parole abbiano bisogno della voce dei poeti”.

«Alda dai Navigli scagliava la sua / nel vuoto d’amore del mondo. / Ancora oggi / la sua poesia di assoluti e di follie / disegna labirinti / per questi nostri giorni magri. / La voce di Alda è una presenza / per noi che non ci tuffiamo nel cuore» (p. 31). Occorrono sentimento e ragione perché si possa apprezzare il lavoro di Vacca e Pugliese, più affetto però, più cuore, perché in tal modo le parole fanno ingresso, e si muovono con fiducia e confidenza.

Sono amici. Sono amiche. Sono persone care quelle cantate da Nicola e sono figure dalle quali trasuda vita. Nei labirinti di Borges: «Giorni stretti nell’assedio / viviamo la prigionia di labirinti. Nessuno grida alla rivolta / soffocheremo la voce nell’assenza di un urlo» (p. 45). Nei labirinti oscuri, alle volte la mente si perde, e per ritrovare quel “filo di Arianna” occorrono speranza e fiducia, spesso smarrite negli intricati sentieri dell’esistenza.  

E poi, si cammina, ora in compagnia di Italo Calvino si apprendono “quelle lezioni in cui letteratura e vita hanno fatto delle parole / l’esempio da seguire”, e anche di Marcel Proust. Il lettore si ferma, si stupisce e riflette, prende fiato e poi riparte. Si tratta di un viaggio, per l’appunto, un lungo percorso della modernità che affascina e lascia traccia, poiché Vacca - come scrive Giuseppe Scaglione nella postfazione  - ha talento ed un uso adamantino che fa della parola, un uso attento e ragionato, ma ragionato con l’anima. Parole aperte al dialogo che si incontrano con l’artista Mario Pugliese e comunicano, dicono tanto e dispongono l’anima al viaggio, alla scoperta, alla riconoscenza dell’altro, in sé.

Dal tratto alle parole” di Nicola Vacca e Mario Pugliese cattura, ma non ti tiene chiuso in gattabuia, la libertà è giustappunto poesia, è arte, è creatività, è vita, umana. E Dio sa di quanta umanità abbiamo bisogno oggi!             

Tags:
dal tratto alle parolemario pugliesenicola vacca
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.