A- A+
Culture
Ferdinando Scianna, puri racconti senza sentimentalismi
Nuova Delhi, 1972 - © Ferdinando Scianna - MagnumPhotos - Contrasto

di Simonetta M. Rodinò

Panni stesi su una terrazza in Egitto, cammelli sdraiati su una spiaggia nello Yemen, intrico di antenne sui tetti di Barcellona…ma anche disegni di nuvole sulle montagne boliviane, il delta del Po immerso nella nebbia, file di cactus su una collina in Messico…e ancora la New York dei ponti e la Parigi degli anni di François Mitterand.

Sono alcune tra le immagini realizzate da Ferdinando Scianna e presentate nella mostra “Istanti di luoghi”, da domani da Forma Meravigli a Milano.

La rassegna, da non perdere, non si snoda cronologicamente, ma si sviluppa “per assonanze e dissonanze”, chiarisce Alessandra Mauro, curatrice dell’esposizione insieme al fotografo, nato a Bagheria nel 1943.

Proprio la “sua” Sicilia cominciò a fotografare intorno ai 17 anni, prima di trasferirsi a Milano e successivamente a Parigi per dieci anni come corrispondente dell’Europeo.

Nella capitale francese conobbe Henri Cartier-Bresson, che lo introdusse nel 1982, come primo italiano, nella prestigiosa agenzia Magnum.

La mostra nasce da un libro, per l’artista sinonimo e scopo stesso del suo mestiere. Fotografare per Scianna è racconto, memoria. E le foto come nascono? Dalla illuminazione che creano nel soggetto.

Per riuscire a vedere ciò che guarda, un artista deve interiorizzare una sorta di codice attraverso cui decifrare il senso delle forme. Siano essi ritratti di figure, o luoghi, cambiano il modo di essere.

La rassegna ospita una selezione di immagini, risultato di anni di osservazione, istanti rivelatori di momenti sociali all’interno del paesaggio. Che, anche se privo delle figure umana, trasmette comunque una presenza.

“Ho sempre pensato io faccio fotografie perché il mondo è lì, non che il mondo è lì perché io ne faccia fotografie. Anche questi luoghi non mi sembra di averli cercati, li ho incontrati vivendo, e poi ho scelto alcune delle tante fotografie che in questi incontri mi sono state regalate per comporne un libro nel quale riconoscermi”, confida

Una narrazione di paesaggi dunque: dalla Sicilia, alla Calabria, dalla Puglia a Napoli e la Val Padana, e poi il mondo…Dalla Costa D’Avorio alla Bolivia, da Barcellona a New York, da Parigi a Rio De Janeiro …Non sono grandi luoghi canonici. Come anche nei ritratti Scianna immortala personaggi famosi e gente comune.

Racconti senza sentimentalismi, lontani dalla retorica. Emozioni vere.

Due i linguaggi fotografici: quadricromia e bianco e nero. Per le riviste di moda ha usato il colore. Ma questo è un viaggio tutto in bianco e nero, “Parlo piuttosto bene anche il colore, ma la mia lingua materna è il bianco e nero”,

Una piccola sala è poi dedicata ai libri scritti dall’artista: “Ritratto di un autore in 16 libri pubblicati (e alcuni mai realizzati)”.

 

“Istanti di luoghi”

Forma Meravigli -  Via Meravigli 5 - Milano

21 aprile -  30 luglio 2017

Tutti i giorni dalle 11.00 alle 20.00; Giovedì dalle 12.00 alle 23.00; Lunedì e martedì chiuso

Ingressi:  intero: 8 euro; Ridotto: 6 euro

Infoline: 02/58118067

Catalogo: edito da Contrasto

www.formafoto.it

Tags:
ferdinando sciannamostra ferdinando sciannaferdinando scianna mostra
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.