A- A+
Culture
Fotografia/ Un viaggio nel poliedrico mondo di William Klein
Nina, piazza di Spagna, Roma

di Simonetta M. Rodinò

Tutto cominciò a Milano. Era il 1952. Il regista Giorgio Strehler lo invitò a dipingere al Piccolo Teatro una serie di pitture murali astratte per alcuni architetti. Poi realizzò una personale nella storica Galleria Il Milione: grandi tele campite di tratti monocromi. Iniziò così per il giovane Klein il rapporto con Mangiarotti, Zanuso, Gio Ponti per i quali creava dipinti geometrici in stile hard-edge su grandi sipari girevoli.

Proprio con le prime opere concettuali si apre l’antologica “William Klein: il mondo a modo suo”, da oggi a Palazzo della Ragione Fotografia del capoluogo lombardo.

La mostra,  150 opere originali, alcune delle quali di grande formato, tutte provenienti dall’archivio personale del fotografo, è un interessante viaggio che tocca le città da lui fotografate durante la sua carriera nelle diverse forme espressive: dalla grafica alla pittura, alla fotografia, al cinema, alla scrittura.

L’esposizione, prodotta dal Comune, Palazzo della Ragione, Civita, Contrasto e GAmm Giunti, è un mix coerente d’immagini d’epoca e di lavori più recenti diviso in sezioni. Da New York a Roma, da Tokyo a Mosca, per poi arrivare al racconto di Parigi, città in cui Klein vive da diversi anni. Segue la parte dedicata alla Moda, ai Contatti dipinti, commistione di pittura e fotografia, e infine ai film: in una saletta sono proiettati 30 minuti delle principali pellicole da lui dirette. Tra queste, “Muhammad Alì the Greatest”,  del 1974, con un suggestivo, nonché surreale incontro di box con i Beatles.

C’è forse un segmento della mostra in cui Klein si ritrova maggiormente ?

“Non c’è una sezione che senta più di un’altra, perché gli piace lavorare in mezzo alla gente, ovunque egli si trovi. Ciò che lo caratterizza sono la sua continua curiosità e il costante interesse verso le persone”, risponde la curatrice Alessandra Mauro.

Nel ’54 compose un diario fotografico di New York, dove nacque nel 1928. “E’ la città che conosceva e s’intromise nei percorsi di tante vite - prosegue -, ma quando andò a Roma (ndr: invitato da Fellini come assistente alla regia di “Le notti di Cabiria”) fu fotografo in una città che non conosceva e che voleva conoscere”.

Come senza compromessi, quasi irriguardosi, sono i reportage verso le metropoli, così senza cliché sono gli scatti di moda, verso il cui mondo ebbe un atteggiamento ironico: utilizzò grandangoli e teleobiettivi singolari, con effetti di luce e di flash insoliti e con immagini in movimento volutamente sfocate. Lavorò per Vogue fino al1966, ma non era la moda la sua vera vocazione.

“Cosa è stata la fotografia per me? Venendo da una pittura geometrica in cui il mondo esteriore era escluso, rappresentava una finestra aperta sulla vita”, parole dell’88enne poliedrico artista americano.

 

“William Klein: il mondo a modo suo”

Palazzo della Ragione Fotografia - Piazza Mercanti, 1 – Milano

17 giugno – 11 settembre 2016

Orari: martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30 – 20.30; giovedì e sabato 9.30 – 22.30. Chiuso lunedì

Infoline: 02/43353535            

Ingressi: intero € 12,00 – ridotto € 10,00

Catalogo: Contrasto – GAmm Giunti

www.palazzodellaragionefotografia.it

Tags:
fotografia mostra william kleinwilliam klein mostra milanowilliam klein palazzo della ragione milano
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.