A- A+
Culture
I ritratti sciolti e non ingessati di Maria Mulas
Maria Mulas - Christo - New York - 1979

di Simonetta M. Rodinò

Sono biografie più che immagini le foto scattate dall’82enne artista, trasferitasi a Milano nel 1956. Proprio nel capoluogo lombardo a metà degli anni sessanta ha inizio l’iter creativo di Maria Mulas: realizza scatti ispirati al mondo del teatro e al tema del ritratto, soggetto che sarà ripreso costantemente lungo il suo cammino espressivo.

Proprio i ritratti sono i protagonisti della mostra “OBIETTIVO MILANO 200 fotoritratti dall’archivio di Maria Mulas”, da domani nelle sale espositive di Palazzo Morando | Costume Moda  Immagine. Un racconto fatto di personaggi e volti della storia milanese dagli anni Settanta ad oggi, attraverso un selezione di 200, su quasi 20mila foto dell’autrice.

La carrellata degli scatti esposti mostra una variegata panoramica di personalità, tra cui emergono diverse femminili, squarci di vita sociale tra naturalezza e artificiosità, fra cui spiccano ritratti di artisti, galleristi, critici, designer, architetti, stilisti, scrittori, editori, giornalisti, registi, attori, intellettuali, imprenditori e amici.

Sette le sezioni in cui si snoda la rassegna: nella prima “Coda rossa” con macchina fotografica, autoritratti e fotografie scattate all’artista dai fratelli Ugo e Mario Mulas e dal pittore e scrittore Emilio Tadini; nelle sale successive i fotoritratti di “Amici artisti”, realizzate non solo a Milano, ma anche alla Biennale di Venezia, a Kassel, a New York, in occasione di allestimenti, inaugurazioni o nei vari studi. Tra gli altri, Marina Abramovic e Ulay in una performance del 1977, Fausto Melotti seduto su una poltrona etnica di bambù, Christo sul tetto di un grattacielo newyorkese, un buffissimo Alik Cavaliere, che indossa in testa un fazzoletto annodato sui lati, Andy Warhol in compagnia dei frati domenicani davanti alla sua “Ultima cena”, un impeccabile ed elegante Emilio Tadini ripreso di profilo su un fondo scuro. E ancora, Keith Haring, Jannis Kounellis, Gillo Dorfles…

La sala 4 ospita “La città del design”: oltre ad immagini geometriche di ricerca fotografica che ci riportano alle illusioni ottiche, alle costruzioni impossibili e alle prospettive ardite del visionario Escher, ecco Gae Aulenti seduta sul divano della serra-terrazza, Achille Castiglioni alla finestar del suo studio milanese, Roberto Sambonet dietro al fumo del sigaro... Mario Botta, Bruno Munari, Pierluigi Cerri, Ignazio Gardella, Vittorio Gregotti…

Nel segmento “Il mondo della moda”, i giovani Giorgio Armani e Gianni Versace, Krizia, Miuccia Prada, e le sfilate: pellicce vaporose delle sorelle Fendi, abiti lunghi con guarnizioni di cigno firmati Valentino. Non mancano Trussardi, i Missoni, Enrico Coveri…

Se poi in “Le arti dello spettacolo” oltre a Luca Ronconi, Giorgio Strehler, Paolo Grassi, Ermanno Olmi s’incontrano l’elegante Valentina Cortese con l’immancabile copricapo e la bellissima Liz Taylor ornata da una collana di perle a più giri, nella sezione “I borghesi sono gli altri”, cappelli, cappellini, gioielli, pellicce testimoniano il lusso di un ceto spesso lontano dalla realtà. Persino i titoli delle immagini concorrono a evocare il benessere: così Il brindisi, Seduzione, Poltrona a Venezia, Fanciulle in fiore con levriero…

L’esposizione si chiude con “Scrittori, giornalisti, editori” e tra loro, Umberto Eco, dietro ad una batteria, Natalia Aspesi, Jorge Luis Borges, Inge Feltrinelli, Lawrence Ferlinghetti, Dario Fo, Gunter Grass, Allen Ginsberg, Nanda Pivano, giovanissima, Andrej Voznesenskij …

Complemento della mostra il rapporto di Maria Mulas con lettere, libri, biglietti, telegrammi che documentano i profondi legami alimentati nel tempo con i soggetti ritratti.

 

“OBIETTIVO MILANO 200 fotoritratti dall’archivio di Maria Mulas”

Palazzo Morando | Costume Moda Immagine – Via Sant’Andrea 6 – Milano

1 giugno – 6 settembre

Orari: matedì-domenica 9-13 e 14-17,30

Infoline: 02/ 88465735

Ingresso libero

www.civicheraccoltestoriche.mi.it

Tags:
maria mulas mostramostra maria mulasmaria mulas palazzo morando
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.