A- A+
Culture
Il naso corto. Una rilettura delle Avventure di Pinocchio

di Alessandra Peluso 

Daniela Marcheschi, proprio come Lucignolo, cerca di sviare i bambini e, soprattutto, gli adulti dalla favola amata di Pinocchio. Racconta con abile e succinta ironia la storia di Pinocchio ne “Il naso corto. Una rilettura delle Avventure di Pinocchio”, pubblicato da Edizioni Dehoniane Bologna.

La studiosa Daniela Marcheschi analizza, con fare chirurgico, ogni passo della favola di Pinocchio scritta da Carlo Collodi. E non può essere altrimenti, l'attenzione e l'amore che trasudano in questo testo, si denotano anche dal fatto che Marcheschi, sia la più importante studiosa di Carlo Collodi, nonché critico e docente di Letteratura italiana e Antropologia delle arti.  

Pertanto, occorre un approccio differente al testo “Il naso corto. Una rilettura delle Avventure di Pinocchio”, come ad un compendio, ad un libro da studiare e sul quale riflettere. E per l'appunto, l'autrice sottolinea l'uso delle regole della grammatica e dei segni di interpunzione utilizzati da Collodi: «Non sono, infatti una semplice decorazione della scrittura, ma le infondono un preciso ritmo e una precisa intonazione dei significati, da seguire con gli occhi e ascoltare con orecchio vigile...» (p. 16). Così come il riso, il valore della bugia, il conformismo di una società che, probabilmente, aggiunge Daniela Marcheschi, non appartiene a Pinocchio, e nemmeno al suo stesso creatore Carlo Collodi. Certo è che, la storia sia stata scritta nel 1881, a Firenze, epoca del Risorgimento, dei fasti borghesi, dove il perbenismo imperversava.

il naso corto
 

Attualmente, in realtà, dire bugie non pare così vergognoso, o discriminatorio, sono tantissimi i pinocchi e, a differenza del bambino disobbediente, non fanno neppure ridere.

Tuttavia, la sottile e dettagliata analisi critica di Marcheschi conduce ad un'altra possibilità di immaginare le avventure di Pinocchio, soffermandosi in particolare proprio sul lato ironico della storia. Interessante è poi, l'ultimo capitolo “Collodi nostro contemporaneo”, descritto come uomo tutto d'un pezzo, che avendo combattuto le guerre d'Indipendenza, era messo da parte dalla politica italiana. Come a dire, l'essere umano conserva le sue caratteristiche, ahimé, pur cambiando i tempi.

E così, leggere “Il naso corto. Una rilettura delle Avventure di Pinocchio”, di Daniela Marcheschi, senza bugie, significa: «Restituire al capolavoro quella dirompente potenza di significati che la verve inventiva di Collodi, la sua genialità narrativa e visionaria, infusero in un'impareggiabile “macchina” fantastica e stilistica, in una scrittura plastica e aderente. Pinocchio non sarà mai conformista» (p. 81). 

      

Tags:
pinocchio rilettopinocchio riletturarileggere pinocchio
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.