A- A+
Culture
Salone del Libro, Lagioia: "Aggredito da FdI". Roccella: "Accuse Pd surreali"
Salone Libro, attiviste contestano il ministro della Famiglia Roccella (foto Lapresse)

Roccella: “Un’aggressione antidemocratica le accuse del Pd sono surreali”

"Capisco che Lagioia sia uno scrittore e quindi lavori di fantasia, ma mi sembra un po’ eccessivo cercare di far passare una discussione accalorata con l’onorevole Montaruli per un’aggressione subita da lui, mentre nel Salone da lui diretto veniva impedita la presentazione di un libro". Lo dice a la ministra della Famiglia, Eugenia Roccella, in un'intervista a La Stampa. Come mai ha chiesto l’intervento del direttore? "Perché non trovo corretto che nel Salone che dirige possano accadere queste cose senza che lui prenda una posizione chiara a difesa del diritto di parola di chiunque", dice Roccella.

"Quanto accaduto oggi al Salone del Libro di Torino è inaccettabile e fuori da ogni logica democratica. Altrettanto inaccettabile è l'operazione dei soliti noti di capovolgere i fatti, distorcendo la realtà e giustificando il tentativo di impedire a un ministro della Repubblica di esprimere le proprie opinioni. Come al solito chi pretende di darci lezioni di democrazia non ne conosce le regole basilari". Lo dichiara la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, commentando la contestazione alla ministra Roccella al Salone del libro di Torino e la successiva reazione di alcuni esponenti dei pariti di opposizione.

Lagioia: "Io aggredito verbalmente dalla deputata di FdI Montaruli"

Ecco che ha denunciato invece Lagioia, che oggi concede un'intervista a La Stampa. “Una deputata di Fratelli d'Italia, Augusta Montaruli (dunque stiamo parlando di istituzioni), la quale evidentemente pretendeva che dicessi quello che voleva lei, ha cominciato ad aggredirmi verbalmente con una furia e una violenza verbale abbastanza sconcertanti: ‘vergogna! vergogna!’ A quel punto, pieno di imbarazzo per lei, sono sceso da un palco dove tra un po' dovevo evitare che la deputata mi si scagliasse addosso”. Così il direttore del Salone del Libro, Nicola Lagioia, a proposito delle contestazioni alla ministra della Famiglia, Eugenia Roccella, all’Arena Piemonte, dove le è stato impedito di intervenire da un gruppo di manifestanti.

“Provo a raccontarvelo con tutti gli elementi del caso - scrive Lagioia nel post - La Regione Piemonte ha uno spazio, al Salone, dove gestisce la propria programmazione in autonomia. In questo spazio la Regione ha invitato a presentare il suo libro la ministra per la famiglia Eugenia Maria Roccella. Davanti allo stand della Regione è allora cominciata una contestazione alla ministra. Sono stato chiamato a intervenire sul palco. Me lo hanno chiesto alcuni funzionari della Regione".

“Quello che ho detto è molto semplice - continua - ho detto che in democrazia le contestazioni sono legittime purché non violente. E ho poi invitato chi contestava a dialogare con il ministro, muovendole in modo anche duro critiche a cui avrebbe potuto rispondere. Il gioco democratico tra cittadini e potere è fatto anche di dure critiche. Mi sembrava che i contestatori non accettassero questo tipo di invito (anche qui: chi contesta, purché in modo non violento, decide come contestare)”, conclude Lagioia con un nota bene: “Leggo dai giornali on line di essere stato attaccato anche dalla ministra, oltre che dalla deputata di Fratelli d'Italia”.

“Capisco che Lagioia sia uno scrittore, ma costruire una narrazione fantasy sulla realtà mi sembra un po’ eccessivo - ha detto Roccella - Di fronte a un’aggressione subita e al mio invito al dialogo rivolto ai contestatori, il direttore del Salone non solo non trova il modo di dire che è poco democratico impedire agli altri di parlare, ma addirittura attacca coloro ai quali è stato impedito di esprimersi. No comment”.

Montaruli da parte sua ha affermato che “il direttore Lagioia è andato via balbettando senza permettere a un ministro di parlare e questo è vergognoso ed è ammazzare il pluralismo di cui il Salone è regno”.

Le reazioni si susseguono. "L'onorevole Montaruli oggi al Salone del Libro ha dato un'ennesima dimostrazione di come interpreta il suo ruolo istituzionale, di cosa intenda per confronto e soprattutto a quale livello. In attesa dei temibilissimi rulli di tamburi, che consigliamo di riporre, ora seriamente, chieda scusa", scrive su Twitter la vicepresidente del Senato ed esponente Pd, Anna Rossomando.

“La protesta non violenta è sempre legittima. Giustamente Nicola Lagioia è intervenuto per garantire alla Ministra il suo diritto di parola, ma vedere una parlamentare come Augusta Montaruli inveire violentemente contro il Direttore di #SalTo23 è grave e inaccettabile. Chieda scusa”, il tweet dell’ex sindaca di Torino, Chiara Appendino, parlamentare M5S.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lagioiaroccellasalone del libro





in evidenza
Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio

Ecco quanto vale l'immobile

Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio


motori
Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.