A- A+
Culture
Unesco, il dg Azoulay: "Rafforza il legame con Onu”

di Paola Serristori

 

“La voce dell’Unesco dev’essere una referenza”. È la linea scelta dal Direttore generale Audrey Azoulay, com’ella stessa ha sottolineato nel concludere la presentazione del suo programma al Consiglio esecutivo.

La quarta rivoluzione è in corso ed è pacifica: avanza sul campo digitale e tecnologico. L’Unesco, nel programma presentato al Consiglio esecutivo dal Direttore generale Audrey Azoulay, mette al centro dell’agenda la riorganizzazione, per modernizzare il funzionamento e raggiungere gli obiettivi. “L’attuale struttura non è ottimale”, ha rimarcato il neo Dg. Le priorità, come Azoulay aveva anticipato ad Affari, sono lo sviluppo dei programmi di istruzione, la garanzia di pari opportunità per le donne che vogliono realizzare i loro talenti – “tolleranza zero”, ha promesso contro molestie e discriminazioni di genere – , la diffusione della cultura, anche promuovendo la circolazione delle opere d’arte. L’azione sarà fondata su una ritrovata coesione tra i Paesi e condivisa strettamente con l’Onu, di cui l’istituzione è il braccio operativo per la cultura e l’arte. Tra le righe, si può leggere un riequilibrio interno, in risposta alle critiche degli anni scorsi sull’influenza dei Paesi arabi.

La radicalizzazione violenta resta un’emergenza. Istruzione e cultura promuovono il dialogo tra i giovani. Il Direttore generale ha proposto di aumentare il finanziamento dell’istruzione. Inoltre ha invitato i Paesi membri alla coesione, sottolineando che “la collaborazione multilaterale” è importante in un momento in cui è stato riconosciuto, di fronte ai problemi della società contemporanea, “il ruolo della qualità dell’istruzione nello sviluppo della pace”, e “la salvaguardia del patrimonio culturale”, che è diventato un target nelle guerre come un simbolo di orgoglio e forza di coesione sociale e resilienza”. La virtù di resilienza dell’istruzione. Esempio recente è l’impegno Onu ed Unesco, reintegrato nel United Nations Development Group (UNDG) nella ricostruzione di Mossul.

Unesco supporterà la diffusione delle tecnologie, “in modo che milioni di persone possano entrare nella società del sapere. I giovani cercano le chiavi del sistema educativo e noi dobbiamo rinforzare le loro capacità.” Azoulay ha espresso sostegno alla presidenza argentina del G20, che ha fatto dell’istruzione il tema centrale della riunione nel settembre prossimo. Le scienze naturali e la distribuzione delle risorse idriche. La libertà di espressione, il dialogo interculturale tra le nuove generazioni. In particolare, durante la Giornata mondiale libertà dell’informazione si terrà una conferenza nel Ghana. Massima attenzione sull’intelligenza artificiale: l’Unesco sorveglierà l’aspetto etico.

Tags:
audrey azoulayunescoonu
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.