A- A+
Economia
Alstom-Siemens: chi è Crrc, il big mondiale dei treni che spaventa l'Europa

di Andrea Deugeni
twitter11@andreadeugeni

Le preoccupazioni del Ceo di Siemens, Joe Kaeser ("proteggere gli interessi dei consumatori o dei clienti a livello locale non significa impedire all'Europa di competere a livello globale con Stati leader come Cina e Stati Uniti") e del ministro dell'Economia francese Bruno Le Maire  ("è un errore che favorirà gli interessi della Cina") dopo il no dell'Antitrust alla fusione fra Siemens e Alstom hanno un volto ed è quello di China Railway Rolling Corporation (Crrc), leader mondiale nella produzione di treni e materiale rotabile nato a metà del 2015 dalla fusione dei due gruppi cinesi Cnr e Csr e controllato dalla holding statale Crrc Group.

Crrc1
 

Alla base delle nozze pilotate da Pechino c'era la ricerca di un aumento dell'efficienza e della capacità di competere meglio a livello internazionale azionando la leva delle sinergie. Una competizione in cui in solo tre anni di operatività il più grande produttore dei treni al mondo è riuscito a piazzare metropolitane, locomotive e vagoni in tutto il globo, Europa inclusa. 

I numeri del colosso cinese fanno paura. Quotato alla Borsa di Hong Kong, Crrc impiega oltre 183 mila dipendenti in tutto il mondo, con una quota di mercato superiore al 90% in Cina e del 70% nel settore della produzione dei treni ad alta velocità e macina un giro d'affari di quasi 31 miliardi di euro all'anno. Per avere un termine di paragone, Siemens, al secondo posto nel ranking di mercato, fattura circa 8 miliardi e Alstom, al terzo, quasi 7,5 miliardi, gruppi dalle cui nozze sarebbe nato all'Airbus dei treni con 59 mila dipendenti. I tre pesi massimi occidentali messi assieme (Siemens, Alstom e Bombardier) raggiungono soltanto i due terzi dei ricavi del colosso cinese che è in grado di sfornare 200 treni ad alta velocità ogni anno. Siemens-Alstom solo 35.

Alstom1
 

Oltre a commesse negli Stati Uniti, nel Sudest asiatico, in Marocco e nei Balcani, il portafoglio-ordini di Crrc può vantare anche un centinario di progetti infrastrutturali, tutti legati alla realizzazione del mastodontico progetto "One Belt One Road", vale a dire la nuova Via della Seta che Cina ed Europa stanno tessendo per rafforzare scambi commerciali, turismo e cultura in entrambe le direzioni di marcia. 

Come spesso accade quando si ha a che fare con le aziende del Colosso d'Oriente, le condizioni di partenza strutturali per competere sono diseguali. Grazie anche ai fondi statali, Crrc può disporre infatti di un enorme budget per la ricerca e sviluppo e ha accesso a prestiti a basso costo da parte del sistema bancario cinese, che gli consentono di battere la concorrenza imponendo prezzi più bassi. In più, il mercato europeo, che interessa a Pechino e dove Crrc è poco presente rispetto ai concorrenti Siemens e Alstom, è aperto, mentre quello cinese, frontiera importante per le aziende del Vecchio Continente data la vastità del territorio, è chiuso ed è protetto con alti sussidi. 

"O cresci o vieni comprato", è la regola che vale in un settore come questo ad alto tasso di consolidamento. Il know-how tecnologico di cui attualmente sono in possesso Alstom, finita alcuni anni fa nel mirino degli americani di General Electric, e Siemens fa gola al colosso cinese che si è prefisso di costruire il treno più veloce (a lievitazione magnetica in grado di raggiungere una velocità massima di 600 km/h) del mondo. Un campione europeo avrebbe potuto rappresentare un ottimo contraltare industriale per non rischiare di sparire fra qualche anno. Ma il colpevole non è certo da ricercarsi nei corridoi dell'Antitrust europeo che di mestiere deve tutelare la concorrenza finale e che basa le sue analisi sul "mercato di riferimento" dei soggetti che vogliono convolare a nozze.  

 

Commenti
    Tags:
    siemensalstomcrrcmercato dei trenialta velocità
    i più visti
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot rinnova la gamma 508

    Peugeot rinnova la gamma 508

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.