A- A+
Economia

Una banconota più difficile da falsificare grazie agli ultimi ritrovati della tecnologia anticontraffazione, come la nuova filigrana sulla quale si staglia il volto di Europa, la principessa fenicia che, secondo la mitologia, fu rapita da Zeus. E' il nuovo biglietto da cinque euro, presentato dal presidente della Bce, Mario Draghi, lo scorso gennaio ed entrato oggi ufficialmente in circolazione nell'unione monetaria.

La banconota, spiega un comunicato di Bankitalia, è il risultato dei progressi tecnologici realizzati in questo ambito dopo l'introduzione della prima serie, oltre dieci anni fa. Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha oggi celebrato a Bratislava, dopo la consueta conferenza stampa successiva alla riunione del Direttivo, l'entrata in circolazione della nuova banconota, varo al quale era presente anche il Commissario Ue agli Affari Economici e Monetari, Olli Rehn.

"Voi siete la generazione dell'euro, siete cresciuti in un continente senza guerre", ha dichiarato Draghi rivolto a un gruppo di scolari. "L'euro e' il simbolo piu' evidente e tangibile dell'integrazione europea", ha concluso il presidente della Bce, firmando poi personalmente le banconote consegnate ai bambini.

Tags:
draghieurobce
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.