A- A+
Economia
Art. 18, a Roma il fronte del no alla riforma: "Battaglia fino in fondo"

Sel scende in piazza contro il Jobs Act al grido di "Fate il lavoro, non la crisi". Migliaia a Roma per la manifestazione nazionale di Sinistra e Libertà. L'obiettivo: porre le fondamenta, ha spiegato il parlamentare Pippo Civati, dissidente del Pd, per una "coalizione dei diritti e del lavoro" che, da sinistra, incalzi il governo Renzi nel nome della realizzazione di una nuova politica economica, in Italia e in Europa, che chiuda una volte per tutte il tempo dell'austerity. Questo tempo in cui il lavoro, "ridotto a merce", invece di essere viatico per una piena cittadinanza, diventa condizione permanente in cui la dignità dei cittadini viene svenduta. E il leader della Fiom, Maurizio Landini: "'Non possiamo fare una manifestazione e poi se il Parlamento va avanti, magari c'è un voto di fiducia, allarghiamo le braccia e finisce lì: la battaglia va fatta fino in fondo".

Una manifestazione che, in superficie, si muove cercando di trovare un tratto comune tra chi cerca, al di là di Grillo e di Berlusconi, di costruire un'alternativa pensante al governo in carica. Per questo, non solo Sinistra e Libertà. Ma anche interventi e contributi di Maurizio Landini, segretario della Fiom, Pippo Civati, Curzio Maltese, Rossana Dettori segretaria FP Cgil, Domenico Pantaleo segretario Flc Cgil e Norma Rangeri direttrice de Il Manifesto. Poi rappresentanti delle associazioni studentesche e di quei gruppi che  -  come Tilt! e l'associazione Sinistra/Lavoro  -  cercano, a partire dai territori, di risolvere problemi e conflitti dei cittadini italiani.

E sotto la superficie, la direzione è chiara: intercettare e declinare insieme le tante "lotte" che si muovono  -  spesso inascoltate  -  in tutto il Paese. A partire dal tema del lavoro: "Il dibattito sull'articolo 18  è una linea di demarcazione che riguarda identità, orgoglio e senso stesso della parola sinistra", dice Nichi Vendola. Il pericolo da scongiurare è quello di una sinistra "asociale" - e qui leggere il Pd a guida Renzi -  che troppo spesso si maschera da destra.  "Rimettiamo allora in campo le forze che parlino il linguaggio di una sinistra moderna, che non abbia nessuna torsione minoritaria e testimoniale" lontana dalla dialettica "governismo/minoritarismo". Una sinistra che "non si sente custode di nessuna ortodossia, ma che sia protagonista di un cambiamento", ancora Vendola.

"Dobbiamo provare a ricostruire una proposta politica, una nuova cultura. Perché è su questo terreno che è possibile fermare la nostra folle corsa verso il precipizio, economico e sociale", aggiunge Nicola Fratoianni. Una manifestazione che si inserisce all'interno delle iniziative di questo "autunno caldo". Per recuperare, a sinistra, un'agibilità politica a partire dalle denuncia "dell'attacco al lavoro che il governo Renzi sta portando avanti".

Tags:
art 18jobs actsel
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.