A- A+
Economia
Autostrade, il fondo Tci scrive a Draghi: "Stop alle interferenze politiche"
Mario Draghi a Palazzo Chigi (fonte Lapresse )

Mentre si rifà affollata la platea dei pretendenti per rilevare Autostrade per l'Italia (dopo le avance del patron di Acs Florentino Perez anche il duo Apollo-Toto si è rifatto sotto), Christopher Hohn, Ceo del fondo Tci, azionista al 10% di Atlantia, che sta conducendo la sua battaglia contro la “svendita” - a suo dire - dell’asset controllato dalla famiglia Benetton, prende carta e penna e scrive al premier italiano Mario Draghi e ai ministri dell'Economia e delle Infrastrutture Franco e Giovannini, e per conoscenza alla Commissione Ue. Il motivo? Chiedere che “la valutazione dell'offerta da parte di Acs" per Aspi "deve essere effettuata dal consiglio di amministrazione di Atlantia, in modo indipendente e senza interferenza politica". 

LP 11495004
 

L'offerta di Acs per Aspi, rileva Hohn nella lettera visionata dall’AdnKronos, "è sensibilmente superiore a quella presentata dal consorzio guidato da Cassa depositi e prestiti (Cdp)". Il governo italiano, rileva il Ceo di Tci, "non dovrebbe esercitare pressioni su Atlantia per chiudere una transazione. Ad Atlantia dovrebbe essere consentito di prendere il tempo necessario per considerare l'offerta di Acs. È stato il governo italiano che nel luglio 2020 ha chiesto il completamento di questa operazione in condizioni di mercato eque”.  

Il 5 aprile 2021, ricorda Hohn, "il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti italiano ha inviato una lettera ad Atlantia chiedendo che la società si impegni prontamente a cedere la propria partecipazione dell'88% in Aspi al consorzio formato da Cdp. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti italiano ha evidenziato che il Piano economico e finanziario (Pef) dell'Aspi non può essere approvato senza il parere positivo del Procuratore dello Stato, che, secondo il Ministero, dipenderebbe in gran parte dalla conclusione di una transazione con il consorzio guidato da Cdp". 

Per Tci il quadro regolatorio "deve essere messo a disposizione immediatamente per consentire ai potenziali acquirenti di valutare attentamente il valore della società. Il Governo italiano sta esercitando un'interferenza politica. Ciò è in palese violazione del principio della libera circolazione dei capitali. Riteniamo che si debba considerare una più alta valutazione di Aspi, unitamente alla possibilità per Cdp di unire le forze con Acs. Sarebbe positivo per il Governo italiano, Atlantia e i suoi azionisti, compresi gli azionisti di minoranza". 

 

Commenti
    Tags:
    autostrade per l'italiabenetton atlantiatci atlantia lettera governo aspicdp fabrizio palermoblackstonemacquarieacs florentino perez
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.