A- A+
Economia
Banca Generali, il FT: "Svaluta i bond sanitari colpiti dalla pandemia"

Banca Generali ha svalutato bond legati al sistema sanitario pubblico italiano per un valore nozionale di 478 milioni di euro. Lo scrive il Financial Times, a cui il gruppo guidato da Gian Maria Mossa ha fatto sapere che non commercializzerà più bond garantiti da fatture nei confronti delle autorità sanitarie pubbliche italiane e che non distribuirà più debito legato alla sanità venduto da Cfe, la banca d'investimento boutique che ha gestito le operazioni. "Banca Generali ha interrotto la distribuzione di titoli sanitari gestiti dalla finanziaria Cfe e ha deciso di abbandonare questo business", scrive il quotidiano, citando la banca. 

In mattinata il gruppo bancario ha precisato di aver già comunicato al mercato a fine luglio un accantonamento relativo a bond legati al sistema sanitario italiano e un portavoce sottolinea come non ci sia alcuna novità a riguardo e nessuna nuova svalutazione. Lo scorso 27 luglio Banca Generali aveva comunicato di aver accantonato 80 milioni per tutelare i propri clienti da una potenziale perdita su investimenti in titoli di cartolarizzazioni di crediti sanitari riservati a clienti professionali.

L'accantonamento era destinato a coprire l'impatto massimo dell'offerta di acquisto che Banca Generali avrebbe lanciato pagando ai propri clienti un corrispettivo non inferiore all'ammontare investito inizialmente, nell'ipotesi di adesione totalitaria per un nozionale di 478 milioni, valore della posizione complessiva in titoli derivanti dalle cartolarizzazioni di crediti sanitari.

Da parte sua Cfe ha chiarito che "il proprio ruolo nell'operazione è stato quello di strutturare il veicolo di cartolarizzazione (ovvero di arranger) e di investitore nelle tranche junior e mezzanina emesse dal veicolo stesso. Nè il portafoglio di titoli ne' tantomeno gli asset sottostanti - ha continuato la finanziaria - sono stati originati, organizzati o gestiti dalla societa'. In qualita' di investitore nelle suddette tranche, Cfe subirebbe per primo ogni possibile diminuzione nel valore dei titoli cartolarizzati. Cio' premesso, la societa' comunica che non effettuera' alcuna svalutazione del proprio investimento".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    banca generaligian maria mossa
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.