A- A+
Economia
Cina, Zhongzhi in rosso per 36 mld. Il gigante del risparmio a rischio default

Banche cinesi, un altro gigante in default

"L’azienda non dispone di attività sufficienti per coprire i debiti a breve termine e il gruppo ha affrontato un rischio significativo di non essere in grado di operare in modo continuo e stabile a lungo termine” sono state le parole rivolte agli investitori per “scusarsi” della banca Zhongzhi Enterprise Group con sede a Pechino. Zhongzhi è una tra le banche più grandi della Cina e investe in progetti immobiliari, un colosso valutato 2,7 trilioni di euro e che, nei tempi d'oro, controllava una gestione di patrimoni da capogiro: quasi 129 miliardi di euro. Ha dichiarato di dover affrontare un deficit di quasi 34 miliardi di euro (260 miliardi di Yuan). Le passività della banca che, dall’estate scorsa non ha interrotto il suo crollo, ammontano ora a circa 60 miliardi di euro.

Banche cinesi, per Zhonghzhi gravi errori di gestione

Le cause di questo tracollo sono state messe nero su bianco su un documento ufficiale del gruppo che ha rilevato come “l’enorme deficit sia dovuto alla gestione interna dell'azienda, fuori controllo per la partenza di diversi dirigenti senior e personale chiave. Anche la morte nel dicembre 2021 di Xie Zhikun, il fondatore dell'azienda ha avuto un peso fondamentale nel processo decisionale del gruppo. E poi i prodotti di investimento sono andati in default uno dopo l'altro”. Primo campanello d’allarme il default della consociata di investimento Zhongrong International Trust. Il crack ha aumentato le preoccupazioni su un effetto domino nel settore immobiliare cinese già “in acque difficili”. Vale la pena ricordare che il settore immobiliare cinese rappresenta circa il 25% dell’intera economia cinese.

Banche cinesi, la speranza di un intervento del Governo cinese

Un crollo nell’immobiliare si potrebbe riflettere pesantemente sulle banche, nelle fiduciarie e nelle compagnie di assicurazione. Il risultato: possibili fallimenti di diverse società fiduciarie. Proprio i default di giganti come Evergrande e Country Garden hanno frenato la crescita dell'economia del gigante giallo. Evergrande, il gruppo immobiliare più indebitato al mondo, ha un passivo di 308 miliardi di euro, di cui quasi 78 miliardi per case non finite. Country Garden ha presentato un debito con interessi di 33 miliardi di euro, oltre a 77  miliardi di euro di case in attesa di consegna agli acquirenti. Ultima speranza, come sostenuto da Bloomberg, che il Governo cinese possa intervenire su una cinquantina di società in difficoltà. A presto lo si saprà.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto

Che show a Belve!

Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto


motori
Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.