A- A+
Economia
Barilla fa retromarcia sull'acquisizione di Petti

Dietrofront su Petti mentre era appena arrivato il disco verde dell'Antitrust. Dopo aver annunciato a inizio gennaio  l’operazione di acquisizione del 75% di Italian Food spa, lo stabilimento toscano di Petti, Barilla ha fatto sapere che l'acquisto non sarà perfezionato.

La notizia è stata data da una nota congiunta: "Il Gruppo Barilla e Italian Food del gruppo Petti hanno deciso consensualmente di non procedere al perfezionamento dell'accordo di partnership oggetto di comune valutazione nei mesi scorsi. Italian Food continuerà il proprio percorso di valorizzazione della filiera del pomodoro toscano. Barilla continuerà a valutare con interesse opportunità di sviluppo coerenti con il proprio core business".

Il gruppo Petti, attualmente composto da tre società, raggiunge un fatturato annuo di circa 250 milioni di euro.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    barillapettibarilla slata accordo petti
    i più visti
    in evidenza
    Vlahovic alla Juve, quota a 1.15 In Borsa il titolo si impenna

    Firenze furiosa col gioiellino serbo

    Vlahovic alla Juve, quota a 1.15
    In Borsa il titolo si impenna


    casa, immobiliare
    motori
    Mini classica si converte all'elettrico

    Mini classica si converte all'elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.