A- A+
Economia
Bcc, intesa dei sindacati su rinnovo contratto bancari: aumento di 435 euro

Banche, Fisac Cgil: intesa su contratto Bcc, aumento di 435 euro mensili

Firmata nella notte l'ipotesi di rinnovo del contratto del credito cooperativo. La Fisac Cgil, insieme alle altre organizzazioni sindacali e la controparte Federcasse hanno sottoscritto il rinnovo del contratto nazionale di lavoro quadri direttivi e aree professionali del credito cooperativo 2023-2025, che interessa circa 36mila lavoratrici e lavoratori e decorre da marzo 2024. Tra i punti qualificanti un aumento medio mensile pari a 435 euro.

Di rilevanza economica e sociale la riduzione dell'orario di lavoro di mezz'ora, portandosi a 37 ore settimanali a parità di retribuzione, che decorrerà dal primo luglio del 2025 . "Un'intesa di grande rilevanza che mette al centro le lavoratrici e i lavoratori del settore, garantendo di fatti la giusta crescita salariale e la redistribuzione al lavoro degli importanti risultati economici messi a segno dalle banche di credito cooperativo. Il lavoro è al centro perché abbiamo conquistato l'impegno alla creazione di nuova e buona occupazione, anche per mantenere e rafforzare i presidi nel territorio, peculiarità del settore". Così commentano il segretario nazionale della Fisac Cgil, Riccardo Sanna, e il responsabile del coordinamento nazionale Fisac Cgil Credito Cooperativo, Fabrizio Petrolini, il raggiungimento dell'ipotesi di intesa per il rinnovo del contratto nazionale del credito cooperativo, aggiungendo che: "Allo stesso tempo allarghiamo diritti e tutele, a partire dalla riduzione dell'orario di lavoro e fino all'ampliamento dei permessi e delle tutele per le vittime di molestia e violenza". 

LEGGI ANCHE: Chi comanda, soci o capitali sociali? Riforma BCC e banche popolari. I dubbi

Tra i punti qualificanti dell'intesa, inoltre l'attivazione della cabina di regia contro la desertificazione e per monitorare e gestire l'impatto delle trasformazioni tecnologiche a partire dal tema dell'intelligenza artificiale. "Arriviamo a un punto di sintesi positivo - commentano Sanna e Petrolini -, grazie allo straordinario consenso espresso dalle lavoratrici e i lavoratori del credito cooperativo sulla piattaforma rivendicativa, che ha condotto a un confronto iniziato con ritardo ma dai ritmi incalzanti. Registriamo notevoli avanzamenti sul fronte normativo tanto quanto economico. Le relazioni industriali del settore ai dimostrano sempre molto avanzate sebbene la strada da percorrere sia ancora tanta. Ora la parola passa alle lavoratrici e ai lavoratori, a breve le assemblee per la validazione del contratto. Ci auguriamo che il risultato sia accolto positivamente: il contratto raggiunto è infatti frutto del loro sostegno e della loro forza", concludono i due rappresentanti della Fisac Cgil. 






in evidenza
Tensioni Pascale-Turci dopo il divorzio. Rissa per la mega-villa lasciata da Berlusconi

non poteva finire peggio

Tensioni Pascale-Turci dopo il divorzio. Rissa per la mega-villa lasciata da Berlusconi


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.