A- A+
Economia
contatore bolletta 500

Italiani meno ricchi e tariffe più salate. E' quello che è successo nella seconda metà dell'anno scorso. Le bollette sono diventate più care per tutte quasi tutte le famiglie europee: come informa Eurostat, infatti, i prezzi sono aumentati del 6,1% nell'Eurozona e del 6,6% nell'Ue a 27 paesi. Il dato italiano, però, mostra un aumento più consistente, dell'11,2%. Il prezzo del gas è rincarato del 10,3%, dopo che nel secondo semestre dell'anno precedente si era registrato un aumento del 12,6%. A pagare di più sono stati i Paesi maggiormente sotto pressione: Cipro (+21%), Grecia (+15%), Italia, Irlanda e Portogallo (+10%).

In valori assoluti, la bolletta elettrica è comunque più leggera in Bulgaria (9,6 euro per 100 kWh), Romania (10,8) ed Estonia (11,2), mentre è nettamente più pesante in Danimarca (29,7), Cipro (29,1), Germania (26,8) e Italia (23) a fronte di una media di 20,6 euro (19,7 nella Ue a 27). Stesse divergenze di andamento e di prezzi del gas, con un trend che va dal -8% della Slovenia al +21% della Lettonia. Anche qui, i prezzi più bassi si registrano in Romania (2,7 euro per 100 kWh), mentre i più alti in Svezia (12,7) e Danimarca (10,8). In Italia i prezzi del gas (9,7 euro) sono comunque più alti della media Ue (7,2 euro e 7,9 euro nell'Eurozona).

''Se tra la seconda metà del 2011 e la seconda metà del 2012 le famiglie italiane hanno visto crescere la loro bolletta della luce dell'11,2%, uno dei maggiori aumenti registrati nell'Ue, e del 10,6% per il gas, a differenza dell'Europa dove i prezzi dell'elettricita' per le famiglie sono aumentati del 6,6% e quelli del gas del 10,3%, lo si deve all'assenza di concorrenza, ma anche all'inerzia di autorita' preposte ai controlli''. Lo affermano Adusbef e Federconsumatori in un comunicato. Ancora peggiore l'andamento dei prezzi del gas, che gia' tra il 2010 ed il 2011 erano aumentati del 12,6% in media in Italia, e che fanno registrare prezzi comunque piu' alti della media Ue, Per uscire dalla crisi - concludono le due associazioni dei consumatori - occorrono interventi seri ed urgenti, non essendo piu' tollerabile assistere inerti ad un deterioramento costante dei redditi familiari divorati dagli aumenti di bollette, polizze Rc auto, costi dei servizi bancari, Tares, e altri numerosi balzelli, che continuano a diminuire in maniera direttamente proporzionale ai rincari di gas e luce, arrivati a 1.800 euro l'anno che si mangia il 10% del reddito netto di una famiglia media attestata a circa 18.000 euro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bolletteaumentirincari
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.