A- A+
Economia
Boom dei contratti a tempo indeterminato. Ma è scontro tra governo e i sindacati

Aumentano i posti di lavoro, soprattutto quelli 'fissi'. A certificarlo e' l'Inps, secondo cui, nel primo trimestre di quest'anno, sono cresciute di 91.277 unita' assunzioni a tempo indeterminato, mentre sono diminuiti di 32.117 unita' i contratti a termine (-32.117) e di 9.188 le assunzioni in apprendistato. Nello stesso periodo l'aumento complessivo delle nuove assunzione e' stato pari a 49.972 unita'. In totale sono state invece 135.684 le cessazioni di rapporti di lavoro, per cui il saldo netto dei rapporti di lavoro e' stato pari a 185.656 unita'.

Esulta Matteo Renzi. "I dati ufficiali Inps sul lavoro ci dicono che la strada da percorrere e' ancora lunga, ma la macchina finalmente e' ripartita", scrive il presidente del Consiglio su Facebook. "Dopo cinque anni di crollo costante", aggiunge, "tornano a crescere gli occupati. Il fatto che molti di questi contratti siano agevolati dalle misure del Jobs Act (stabilita', sgravi, tutele crescenti, taglio Irap) e' sicuramente un fatto positivo". Poi, ironizza. "Mi colpisce", osserva, "che ci sia chi dice: 'Beh pero' una parte non sono nuovi contratti, ma regolarizzazioni e stabilizzazioni', fa sorridere! Era infatti proprio quello che volevamo. Non e' la stessa cosa per un precario vedere trasformato il proprio contratto a tutele crescenti: e' una svolta per la vita di tanti ragazzi della nostra generazione. Perche' significa un mutuo, le ferie, la maternita'. Naturalmente c'e' ancora molto lavoro da fare. Ma grazie all'impegno di tutti e di ciascuno l'Italia ce la fara'".

I dati dell'Inps non convincono pero' la Cgil. "Non ci troviamo di fronte ad una vera svolta, ma ad un grande regalo alle imprese e a meno diritti per i lavoratori", dice il segretario confederale, Serena Sorrentino. Mentre la Cisl chiede che incentivi e decontribuzione vengano stabilizzati nel 2016. "Come Cisl", afferma il segretario confederale, Gigi Petteni, "non siamo interessati a partecipare al 'festival' dell'occupazione aggiuntiva o sostitutiva: a noi stanno a cuore le condizioni dei lavoratori. Ecco perche' l'evoluzione di forme contrattuali che vanno nella direzione del contratto a tempo indeterminato per la Cisl e' una notizia positiva".

Tornando ai dati, nei primi tre mesi del 2015 le nuove assunzioni a tempo indeterminato stipulate in Italia, rilevate da Inps, sono state 470.785, il 24,1% in piu' rispetto all'analogo periodo del 2014. Le trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti a termine, comprese le "trasformazioni" degli apprendisti, sono state 149.041, con un incremento del 5% rispetto allo stesso periodo del 2014. Pertanto, la quota di assunzioni con rapporti stabili e' passata dal 36,61 % del primo trimestre del 2014 al 41,84% del primo trimestre del 2015. In particolare, nel corso del mese di marzo 2015 la quota di nuovi rapporti stabili ha raggiunto la misura del 48,2%.

Sul complesso delle assunzioni e trasformazioni a tempo indeterminato effettuate nel corso del mese di marzo 2015, oltre il 57% fruisce dell'esonero contributivo triennale introdotto dalla legge di stabilita' 2015. Nel periodo gennaio-marzo 2015, le cessazioni a tempo indeterminato sono state 382.157, il 7,6% in meno rispetto al primo trimestre del 2014, quando erano state 413.568. Sommate a quelle degli apprendisti e dei rapporti a termine, il numero delle cessazioni rilevate nel primo trimestre 2015 e' di 1.012.389, l'11,8% in meno rispetto allo stesso periodo del 2014, quando erano state 1.148.073.

Tags:
contratti
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.