A- A+
Economia
Draghi agita il bazooka e spinge la fiducia degli investitori. Vola Piazza Affari

Mario Draghi dichiara "guerra" alla deflazione facendo intravedere ai mercati finanziari la carta del quantitative easing all'americana attraverso l'acquisto di titoli di Stato. Così le Borse ritrovano vigore. Grazie anche ai record di Wall Street, al secondo giorno di recuperi del petrolio e alle mosse della Banca centrale della Cina di stimolo alla ripresa, Piazza Affari vola e chiude in rialzo del 3,88% recuperando le perdite cumulate da inizio ottobre arrivando a sfiorare quota 20mila punti.

Bene anche il resto del Vecchio Contintente: il Dax di Francoforte ha recuperato il 2,62% a 9.732,47 punti, l'Ftse 100 di Londra segna +1,08% a 6.750,76 punti, il Cac 40 di Parigi guadagna il 2,67% a 4.347,23 punti. Tra i singoli titoli della Borsa milanese si registra la conclusione del collocamento del 22% circa del capitale di Endesa da parte di Enel: con la vendita di un pezzo della controllata spagnola, il gruppo energetico ha incassato più di 3 miliardi. Bene anche a Fincantieri, che ha annunciato uno "storico" accordo per entrare nel mercato delle navi da crociera in Cina e ok, nel complesso, il comparto bancario, che si giova delle notizie provenienti dai bond sovrani. Lo spread è sceso a 147 punti mentre i tassi sui Btp decennali sono ai minimi storici.

"Faremo tutto il possibile per aumentare l'inflazione e per alzare le aspettative il più velocemente possibile come prevede il nostro mandato", ha detto stamattina il presidente della Bce a Francoforte al Congresso europeo dei banchieri. "Se la traiettoria attuale della nostra politica non bastera' allo scopo e nuovi rischi inflazionistici si materializzeranno interverremo" con altre azioni, ha aggiunto.

"La situazione economica nell'area euro resta difficile", ha sottolineato ancora Draghi. Alla luce anche dell'indice Pmi dell'Eurozona diffuso ieri, "una ripresa piu' forte e' improbabile nei prossimi mesi, con gli ordini in calo per la prima volta da luglio 2013". D'altra parte, ha ribadito, "la fiducia nelle prospettive economiche e' fragile e indubbiamente non omogenea, alimentata dai bassi investimenti", ha aggiunto. A preoccupare il presidente della Bce, l'andamento dell'inflazione la cui situazione all'interno dell'area euro si e' aggravata ulteriormente nell'ultimo periodo.

"Dobbiamo creare un ambiente favorevole al business e agli investimenti". La Bce, ha proseguito, "e' impegnata a ricalibrare le dimensioni e il ritmo dell'acquisto di titoli" facendo riferimento esplicito alla Fed e alla Banca cenmtrale del Giappone. Intanto l'Istat segnala che a ottobre aumentano le retribuzioni contrattuali, in rialzo dello 0,1% rispetto a settembre e dell'1% rispetto a ottobre 2013. Sono complessivamente 39 i contratti in attesa di rinnovo (di cui 15 appartenenti alla pubblica amministrazione) relativi a circa 7,3 milioni di dipendenti di cui circa 2,9 milioni nel pubblico impiego.

 

 

Tags:
borsadraghi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.