A- A+
Economia
Allarme Ue sul debito dell’Italia. Juncker: "Non siamo una banda di burocrati"

La Commissione Ue rivede al ribasso le stime di crescita dell'Italia e dell'intera Eurozona, generando debolezza sui mercati finanziari.

Per quanto riguarda il Belpaese, Bruxelles si allinea di fatto a quanto certificato anche dal Documento di economia e finanza. Secondo la Commissione, a dire il vero, quest'anno la recessione sarà del -0,4% (-0,3% per il governo) con una "tiepida ripresa" nel 2015, stimata in un +0,6% del Pil (in linea con il Def) e dovuta "all'accelerazione della domanda esterna". Eventuali "rischi al ribasso sono legati all'ulteriore slittamento della domanda esterna", si legge nelle stime autunnali di Bruxelles. L'anno dopo ancora, il 2016, prevede una crescita dell'1,1%.

 

Seppure in linea con Roma, le nuove stime danno l'idea di quanto la recessione si sia protratta: solo a maggio scorso dalla Commissione si indicava per l'anno prossimo una crescita dell'1,2%, ora è stata dimezzata.

Deficit e debito. Le notizie che tengono elevata l'allerta per i conti pubblici tricolori si leggono sul fronte del deficit e del debito. Quest'anno, infatti, secondo i conti della Commissione si chiuderà con un disavanzo al 3% del Pil, proprio il limite oltre il quale scatta la possibile procedura d'infrazione, dalla quale l'Italia è uscita con difficoltà grazie agli sforzi dei precedenti governi e dei cittadini. Si tratta del livello, d'altra parte, che lo stesso governo aveva scritto nel Def e nel suo aggiornamento, richiamando la flessibilità richiesta in tempi di recessione. Il percorso di rientro dovrebbe essere più lento delle previsioni di Roma: secondo Bruxelles, infatti, l'anno prossimo il deficit/Pil sarà al 2,7%, contro il 2,6% previsto dal governo nell'ultimo aggiornamento della Stabilità (era al 2,9% prima della correzione di fine ottobre). Il bilancio in termini strutturali passa dallo 0,9% nel 2014 allo 0,8% nel 2015, all'1% nel 2016. Per quanto riguarda il debito, invece, si avrà un picco storico dell'indebitamento nel 2015, quando si passerò dal 132,2% del Pil per il 2014 al 133,8%, per scendere al 132,7% nel 2016.

Disoccupazione. Secondo la Commissione, il tasso di disoccupazione italiano "resta elevato ai suoi livelli storici" e si riflette "nell'attività economica depressa": lo scrive la Commissione Ue nelle stime economiche autunnali, che prevedono una disoccupazione al 12,6% per il 2014 e 2015.

Gli altri Paesi. Nelle stime europee, spicca il fatto che si vede in rallentamento l'economia della Germania: si espanderà dell'1,3% nel 2014, per poi rallentare nel 2015 con una crescita dell'1,1%. Nel 2016 la prima economia dell'Eurozona è invece vista in espansione dell'1,8%. Cautela anche sulla Francia, la cui ripresa "non è imminente". Gli investimenti "non ripartiranno prima del 2016" e quindi è attesa "una moderata crescita" del Pil dello 0,7% nel 2015 e dell'1,5% nel 2016. La fiducia degli investitori resterà bassa è sarà "una zavorra". Inoltre si sottolinea che il deficit del 2014 sarà del 4,4% mentre a primavera era previsto al 3,9% e "continuerà a peggiorare" al 4,5% nel 2015, con un'impennata del debito: 95,5% nel 2014, 98,1% nel 2015 e 99,8% nel 2016.

L'Eurozona. Nel complesso dell'area con la moneta unica, nel 2015 la crescita del Pil sarà dell'1,1%, dopo il +0,8% previsto per quest'anno. Nel 2016 si rafforzerà all'1,7%. Si tratta comunque di stime sforbiciate nettamente rispetto a maggio, quando si prevedeva una crescita nel 2015 dell'1,7%. Nella Ue allargata, il Pil del 2015 farà +1,5% dopo il +1,3% nel 2014, e nel 2016 sarà +2% (a maggio, per l'anno prossimo si stimava un +2%). L'inflazione salirà da quota 0,5% di quest'anno allo 0,8% dell'anno prossimo e quindi all'1,5% nel 2016. "La ripresa iniziata nel 2013 resta fragile, lo slancio in molti Stati membri è ancora debole, la fiducia più bassa che in primavera e nonostante le migliori condizioni finanziarie, la ripresa nel 2015 sarà lenta", commenta la Commissione mostrando la massima cautela.

I commenti. "La domanda interna sarà il motore della crescita nei prossimi due anni" grazie anche a "condizioni del credito che saranno più favorevoli", ha affermato il neo-Commissario per gli Affari economici, Pierre Moscovici, presentando le previsioni economiche d'autunno assieme al vicepresidente della Commissione europea, Jyrki Katainen. Moscovici ha ricordato che i programmi di aiuto hanno funzionato, tanto che in Irlanda si registrerà la crescita maggior per il 2015, a +3,6%, mentre la Grecia supererà la media della Ue con +2,9%. Katainen stesso ha salutato il risultato di Dublino dicendo: "Congratulazioni Irlanda!".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
deficit
i più visti
in evidenza
Mourinho furia contro Orsato Ma non per il rigore...

Juve-Roma, polemica continua

Mourinho furia contro Orsato
Ma non per il rigore...


casa, immobiliare
motori
Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.