A- A+
Economia
È stata la domenica della DEMOGRECÌA
Grecia: protesta dei centri sociali alla Borsa di Milano


Di Pietro Mancini

È stata la domenica della DEMOGRECÌA.
Dopo la netta vittoria dei "no", nel referendum, si prospettano ore drammatiche, pensando a oggi e domani. Ma si spera che il buonsenso negoziale possa ancora prevalere.

Il “No” alle condizioni dell’accordo con i creditori è volato oltre il 60%, nel cruciale referendum, indetto da Tsipras. Un trionfo oltre ogni aspettativa.
Una bocciatura, senza appello, della ex troika, che ha mandato onde sismiche in tutta l’Unione Europea e, in particolare, in direzione di Berlino dove, secondo la cancelliera Angela Merkel, «Tsipras sta mandando la Grecia contro un muro».

Un mandato popolare fortissimo al giovane premier, che ha chiesto un accordo con i partner internazionali, in tempi rapidi, anche «entro 48 ore». «Abbiamo dimostrato che la democrazia non può essere ricattata - ha esultato il leader di Syriza  al termine di una giornata, considerata già storica da molti greci.

Matteo Renzi si è, troppo, appiattito sulla linea rigida di donna Angelona Merkel, rigorosa cancelliera di un  Paese, la Germania che, nella storia, nella politica, sport, è, sempre, stata duramente anti-italiana.

Il giovane premier toscano non  avrebbe dovuto rottamare D'Alema. Massimo ha ancora relazioni importanti, in politica estera, e avrebbe potuto dare buoni consigli al volenteroso, ma ancora inesperto, successore di Enrico Letta il quale, tutt'altro che serenamente, ha lasciato Palazzo Chigi poco più di un anno fa.

Tags:
germaniagreciademocrazia
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.