A- A+
Economia
L'Ue gela il governo: crescita economica rivista al ribasso. Su il deficit

La Ue rivede leggermente al ribasso le stime di crescita dell'Italia: 0,8% nel 2015, 1,4% nel 2016, 1,3% nel 2017. A novembre stimava 0,9%, 1,5% e 1,4%. "Dopo essere cresciuta moderatamente nel 2015, l'economia italiana guadagna slancio nel 2016 e 2017 col rafforzarsi della domanda interna", scrive Bruxelles, secondo cui "la caduta dei prezzi del petrolio e una posizione di bilancio espansiva sosterranno la domanda e compenseranno il rallentamento degli export" registrato nella seconda metà del 2015.

Le previsioni arrivano in un momento di accesa dialettica tra Bruxelles e Roma, con il governo che attende ancora il parere definitivo della Commissione sulla legge di Stabilità per il 2016, che domanda di arrivare al 2,4% di rapporto tra deficit e Pil, un livello raggiunto dopo gli attentati di Parigi con il lancio del programma sicurezza-cultura da parte del premier, Matteo Renzi. Sul tavolo c'è la trattativa perché Bruxelles accetti quel livello, che è ben superiore rispetto agli obiettivi originari dati all'Italia nell'ambito del Patto di stabilità e crescita. Con l'avvento della presidenza Juncker, la Ue ha (in parte) cambiato rotta dando spazio alla famosa 'flessibilità', che altro non è se non la possibilità di correggere il bilancio (quindi tagliare le spese) meno del previsto, in presenza di eventi straordinari. Questi, per l'Italia, sono l'attuazione delle riforme strutturali, il coinvestimento con la Ue in progetti per lo sviluppo e - da ultima - la gestione del flusso dei migranti. In tutto, si parla di circa 16 miliardi di richieste di flessibilità, o maggior deficit.

Sull'ultimo punto, in particolare, si è acceso il dibattito. L'Italia chiede di prendere uno spazio di deficit pari allo 0,2% del Pil, sostenendo di aver speso poco più di 3 miliardi per gestire i rifugiati. Lo fa anche in forza della decisione Ue di scomputare dal conteggio del deficit i contributi chiesti ai Paesi membri per sostenere la Turchia e le sue misure per le migrazioni: valgono 3 miliardi in tutto e per l'Italia il conto - dopo l'accordo di ieri - è sceso da 281 a 224 milioni. Se i 3 miliardi di flessibilità verranno concessi, si saprà solo a primavera, quando la Ue valuterà i costi per i migranti nel suo complesso e darà il giudizio definitivo sulla manovra. In ballo c'è molto del futuro programma di Renzi. Se per quest'anno si potrebbe profilare una correzione dei conti tutto sommato contenuta, l'anno prossimo si rischia di avere nuovamente a che fare con i moloch delle clausole di salvaguardia e di una stretta alle spese ben più consistente. Il programma originario, infatti, prevede una discesa del deficit fino all'1,1% del Pil, mentre i possibili aumenti di Iva e accise pronti a scattare pesano ancora una quindicina di miliardi.

Il deficit italiano "scendera' solo marginalmente" nel 2016, quando e' previsto al 2,5% del Pil (dopo aver registrato il 2,6% del Pil nel 2015). Come spiega la Commissione europea nel capitolo dedicato all'Italia delle previsioni economiche invernali, pubblicate oggi, "questo riflette l'impatto espansivo della legge di stabilita' per il 2016". In particolare, il documento cita i "3,2 miliardi di spese aggiuntive per la sicurezza e la cultura, che hanno aumentato l'obiettivo di deficit al 2,4% del Pil dal 2,2% programmato nella bozza di bilancio".
Scende ma "solo leggermente, anche a causa del peggioramento dei bilancio strutturale" il debito pubblico italiano nel 2016. Secondo le previsioni economiche della Commissione europea, "dopo il picco raggiunto nel 2015" (132,8%, inferiore rispetto alle precedenti stime Ue che lo prevedevano al 133%), nel 2016 il rapporto debito/Pil e' previsto al 132,4%, e nel 2017 al 130,6%. Secondo il governo italiano, invece, quest'anno sara' pari al 131,4% e l'anno prossimo al 127,9%. Secondo le stime Ue, il deficit strutturale sara' pari al -1,7% nel 2016 e al -1,4% nel 2017 (era -1% nel 2015).

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pilcrescitaeconomicaripresauestime
i più visti
in evidenza
Hunziker-Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

Spettacoli

Hunziker-Trussardi: è finita
“Dopo 10 anni ci separiamo”


casa, immobiliare
motori
Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato

Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.