A- A+
Economia
"Fuori dalla cassaforte Dicembre", la lettera che fa tremare John Elkann
sullo sfondo Margherita Agnelli in primo piano  Lapo , John Elkann e  Ginevra Elkann

"John Elkann può perdere il controllo della cassaforte di famiglia Dicembre", la lettera che fa tremare il numero uno di Exor

Tensione alle stelle nella battaglia legale tra Margherita Agnelli e il figlio John Elkann. Dopo le pesanti accuse del numero uno di Exor, il quale ha dichiarato di aver subito insieme ai suoi fratelli, Lapo e Ginevra, “violenze fisiche e psicologiche” dalla mamma, arriva una nuova dichiarazione che potrebbe cambiare le carte in tavola.

Protagonista dei nuovi stravolgimenti è la holding Dicembre, posseduta al 60% da John Elkann (e al 20% ciascuno ai suoi fratelli), a sua volta a capo di Exor, holding di investimento della famiglia Agnelli con partecipazioni in Stellantis, Juventus e Ferrari. La giornalista americana Jennifer Clark sostiene infatti che John Elkann non possa in alcun modo perdere il controllo della Dicembre.

LEGGI ANCHE: Clark: "John Elkann non perderà il potere". Margherita Agnelli contesta

Ma secondo l’avvocato di Margherita Agnelli non è così. Dario Trevisan, infatti, contesta l'affermazione di Clark secondo cui il controllo della Dicembre sarebbe blindato grazie a un atto notarile del 1999.

Egli sostiene che "le uniche informazioni sugli asseriti fatti modificativi riguardanti la Dicembre sono rinvenibili solo da quanto rendicontato - sulla base di mere fotocopie - al Registro delle Imprese di Torino da parte della società (ovvero dal suo amministratore unico John Elkann e dal notaio Remo Morone, con il concorso degli altri due asseriti soci Lapo e Ginevra Elkann), mediante iscrizioni effettuate solo nel 2021, ovvero 22 anni dopo quella presunta modifica. Semmai la fotocopia dell’atto del 24 marzo 1999 risultasse conforme all’originale, sarebbe comunque una semplice scrittura privata, priva di autenticazione. Non “un atto notarile”".

Inoltre, Trevisan sottolinea che "se Margherita Agnelli in de Pahlen vedesse accogliere le proprie domande nei contenziosi civili, potrebbe acquisire la maggioranza delle quote della Dicembre". In tal caso, la posizione di John Elkann come amministratore sarebbe a rischio, poiché "l’amministratore di una società di persone - quale è la Dicembre - può essere revocato dalla propria carica per “giusta causa”".

Infine, l'avvocato ricorda che "se un amministratore di società semplice viene condannato per i reati fiscali, può ricevere anche l’interdizione dall’esercizio di tale attività per un periodo che va da 6 mesi a 3 anni, con cessazione immediata dalla carica e conseguente nomina di un nuovo amministratore". Questo è un rischio concreto per Elkann, indagato a Torino proprio per reati fiscali.

Trevisan conclude affermando che "l’accertamento della residenza effettiva in Italia assume rilievo centrale - Una circostanza oggetto di accertamento in sede civile per l’accoglimento delle domande di Margherita Agnelli in de Pahlen, con possibile conseguente modifica degli assetti proprietari della Dicembre".






in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


motori
La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.