A- A+
Economia
Grecia, Tsipras avverte l'Ue e la Merkel: "Non rispetterò gli accordi". Ma la borsa vola

RALLY DELLA BORSA DI ATENE/ All'indomani della mossa della Banca centrale europea sul quantitative easing e in attesa delle elezioni politiche, la Borsa di Atene ha chiuso la seduta di oggi con un progresso del 6,14%. Il mercato sembra dunque scontare il probabile risultato delle elezioni, i cui sondaggi danno in vantaggio il partito di sinistra radicale Syriza, che vuole porre un termine alla politica di austerita' e rinegoziare le scadenze del debito e gli interessi con Unione europea e Fondo monetario internazionale. Dallo scorso mese di dicembre, quando sono state annunciate le elezioni anticipate, la Borsa di Atene e' stata pesantemente colpita dalle vendite, con l'indice di riferimento sceso sotto la soglia degli 800 punti, riflettendo i timori per una possibile vittoria di Syriza. Nell'ultima settimana, invece, sono tornati gli acquisti, complice il massiccio piano di Quantitative Easing annunciato dalla Banca centrale europea.

A poche ore dall'apertura delle urne in Grecia che ridisegneranno il volto del Parlamento ellenico dando la vittoria alla sinistra radicale di Syriza, il leader Alexis Tsipras avverte la Troika e la Germania di Angela Merkel. Un governo Syriza "non rispetterà accordi firmati dal suo predecessore". Tsipras ha spiegato la sua posizione affermando  che "Syriza rispetta gli obblighi che derivano dalla partecipazione della Grecia alle istituzioni europee. Ma l'austerità non fa parte dei trattati di fondazione dell'Ue".

Da Davos, la replica del ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, nel corso di un panel del World Economic Forum: "La Grecia non può fare parte del programma di quantitative easing a meno che non resti all'interno del piano di riforme concordato". A proposito delle affermazioni di Tsipras riguardo il "waterboarding (crudele tecnica di tortura, ndr) fiscale" a cui sarebbe sottoposta Atene, Schaeuble ha detto che "sono compagne elettorali, fatte di espressioni che possono piacere e non piacere. E a me questa non piace". Il ministro ha negato che l'attuale situazione della Grecia sia colpa dell'Ue o della Germania. Da Firenze, a margine del bilaterale con Renzi, la cancelliera Angela Merkel usa toni decisamente più morbidi, dicendosi "convinta che troveremo tranquillamente soluzioni" con il governo greco che si formerà dopo le elezioni: "Aspettiamo che il popolo voti e poi dialogheremo con il governo. La Grecia ha avuto un percorso che ha determinato grandi sacrifici per la popolazione, ma c'è stata anche la solidarietà degli altri paesi Ue".

Nelle ultime ore della campagna elettorale, Tsipras è un fiume in piena. In serata Tsipras raggiungerà invece Creta, per tenere il suo comizio di chiusura della campagna a Iraklion. Tsipras ha ribadito la natura "cruciale" e "storica" del voto di domenica prossima: "Il vero dilemma è tra la continuazione della tragedia e dei sacrifici senza fine o il ritorno alla speranza, allo sviluppo, alla normalità e alla democrazia". Se la gente sceglierà Syriza, il 26, giorno dopo il voto "potrebbe essere una pietra miliare storica".

Tsipras ha dipinto quanto accadrà a partire dal "giorno dopo" nel corso dell'ultimo meeting elettorale ad Atene, davanti a una piazza Omonia gremita da migliaia di persone. "Siamo assolutamente consapevoli che a cominciare da lunedì avremo davanti a noi un compito difficile. La strada che abbiamo scelto esige determinazione, convinzione e risolutezza di fronte alle grandi sfide che ci attendono. Ma la Grecia guidata da Syriza negozierà con forza, con determinazione e con il sostegno dei suoi alleati in Europa, il suo insostenibile debito", di cui Tsipras vorrebbe una parziale cancellazione.

Tags:
greciatsiprasschaeublemerkeltroika

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.