A- A+
Economia
Gruppo Chiesi. Sostenibilità come motore di sviluppo del settore farmaceutico

L’industria del farmaco in Italia rappresenta la punta di diamante del settore manifatturiero. Il nostro, infatti, è il Paese europeo nel quale tale comparto ha il peso maggiore sul PIL: nel 2018 l’1,8% del totale. Un asset strategico che occupa il primo posto in ambito Europeo con una produzione che supera i 32 miliardi di euro di cui l’80% viene esportato nel mondo. Se ne è parlato oggi a Roma nel corso dell’evento “La ricerca e l’innovazione italiana. Il valore della sostenibilità”, promosso dal Gruppo Chiesi, primo gruppo farmaceutico internazionale ad aver ottenuto la certificazione di “B-Corporation”, che rappresenta un riconoscimento di alti standard sociali e ambientali. Chiesi è anche la prima azienda farmaceutica italiana per deposito di brevetti in Europa. Infatti, il numero di programmi di “Ricerca e Sviluppo” continua ad aumentare e a diversificarsi, arricchendo l'offerta terapeutica ai pazienti. 

“La filosofia del Gruppo Chiesi è quella di rendere l'offerta farmacologica sempre più sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale. Anche per tale ragione il settore del farmaco, che si conferma come asset strategico per la crescita economica del nostro Paese, ha la necessità di avere politiche di medio-lungo periodo incentrate su investimenti in ricerca e innovazione, nella consapevolezza di rappresentare un grande patrimonio industriale”. Spiega Alberto Chiesi, Presidente di Chiesi spa.

 

Nel corso dell’incontro è stato sottolineato il valore della sostenibilità per un settore come quello farmaceutico, che negli ultimi 10 anni ha visto un taglio delle emissioni di oltre il 70%. In tal senso, appare indispensabile rafforzare la sinergia fra industria e istituzioni nella prospettiva di incrementare gli investimenti.

  

 

L’evento è stato organizzato da Ital Communications di Attilio Lombardi

Commenti
    Tags:
    gruppo chiesi
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Conte-Inter, c’è già aria di addio 'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'

    VIDEO

    Conte-Inter, c’è già aria di addio
    'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche

    Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.