A- A+
Economia
Industria, Renzi: "Secondi alla Germania? Li riprenderemo"

Come realta' industriale l'Italia in Europa "e' seconda solo alla Germania, ma li riprendermo". Lo ha detto il premier Matteo Renzi, parlando oggi nel corso della visita al Centro di ricerca di Gm Powertrain a Torino. Renzi era appena stato salutato dal presidente della Opel Europa, il tedesco Karl Thomas Neumann, che lo aveva accolto in un breve tour del Centro dove vengono studiati e sviluppati i motori diesel per tutta la gamma di General Motors.

"Vediamo con favore i progetti di riforma economica e istituzionale del presidente Renzi - ha detto Naumann - spero veramente che lei riesca nel suo intento e la prego di considerarci al suo fianco nel sostenere gli sforzi del suo governo". Neumann ha chiuso il suo intervento salutando scherzosamente Renzi, reduce da una visita alla Fiat di Mirafiori: "Presidente, in Italia e' presente piu' di una importante casa automobilistica. Siamo orgogliosi di essere in questo Paese, le nostre automobili diesel hanno una tradizione tedesca, ma in esse batte il cuore dell'Italia".

Basta con 'l'industria della lagna', con i luoghi comuni sugli spaghetti e le vacanze, l'Italia e' terra di ricerca e di innovazione, ha detto ancotra il presidente del Consiglio a Torino. "Sono vent'anni che i talk show parlano delle stesse cose - ha detto - dei cervelli all'estero. Danno l'immagine che l'unica industria che funzioni e che sia vincente e' l'industria della lagna, invece quella che vince e' l'industria della ricerca e dell'innovazione". "Svolgete un lavoro straordinariamente bello e di qualita' - ha detto ai giovani ricercatori presenti all'incontro - siate innovativi e non rassegnati all'immagine pigra e stanca dei luoghi comuni e di cliche', dell'Italia solo terra di vacanze, spaghetti e luoghi d'arte. L'Italia e' e sara' terra di innovazione e di ricerca.

Tags:
industriarenzigermaniatorinolagna
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.