A- A+
Economia

La notizia a scatenare la protesta sfociata nella petizione su Firmiamo.it, visibile all’indirizzo http://goo.gl/6vZhHZ, è stata pubblicata dall’Ansa poche ore fa: “Falsi braccianti truffano Inps per un milione”. Ben 479 lavoratori del Sud Barese avrebbero pagato i loro datori di lavoro 12-15 euro al giorno in cambio di una finta assunzione che garantisse loro l'indennità di disoccupazione oltre che la copertura contributiva e assicurativa a fini pensionistici.
 
“L'azione di questi uomini è assolutamente da condannare, se tutti facciamo i furbi come possiamo sperare di migliorare il mondo? – si legge su Fimiamo.it - Ma il vero colpevole è lo Stato che ancora non è riuscito a rendere completamente funzionale il sistema del lavoro. Quanto ancora dovremo andare avanti a contare i 10 euro? Quanto ancora le aziende potranno trattarci come schiavi perché hanno in mano un potere contrattuale? Quanto ancora dovremmo ingegnarci per arrivare a fine mese?”
 
La petizione popolare si appella quindi direttamente ai nostri leader politici: “Il Governo deve garantire il lavoro ai cittadini, non solo facilitando l'indeterminato, ma anche favorendo l'inserimento in un contesto nuovo senza discriminazione di sesso ed età perché tutti siamo uguali davanti a questa crisi”.
 
 
Per aderire all’iniziativa, basta andare al link http://goo.gl/6vZhHZ e cliccare su “firma”.

Tags:
inpsfinti lavoratoriprotesta
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.