A- A+
Economia
Manager, la ricetta "pepata" del grande vecchio Francesco Micheli
Angelo Maria Perrino e Francesco Micheli 

Serve anche la cultura

“Voglio spezzare una lancia per la cultura”, sottolinea Micheli, “L'arricchimento per il bello, per la conoscenza, la letteratura, l’arte. I grandi imprenditori americani esplosi nell'800 hanno fatto collezioni formidabili che hanno poi donato ai musei e conservano la loro memoria per sempre”.

L'Italia è fatta di Pmi con un padrone: affidare la propria azienda, e quindi i propri sacrifici a un manager, un estraneo, è una cosa traumatica. In Italia come è andata?

"Non è andata bene in effetti. C'è una battuta: il fenotipo che fa si che il figlio abbia le skills di madre o padre ha una percentuale molto bassa. Siamo un Paese in cui la piccola e media industria è un asset importantissimo. Le grandi industrie sono scomparse o sono state vendute e quindi è un paese che si regge sulle Pmi, che però stanno attraversando un periodo particolare per la digitalizzazione e la transizione verde. Siamo indietro rispetto ad altri paesi. Le Pmi hanno problemi grossi di investimenti e quindi c'è bisogno di private equity bravi".

"Il problema è che il fondatore non accetta la figura del manager, preferisce mettere i figli a capo dell'azienda. Abbiamo un'enorme liquidità ma c'è questa presunzione degli imprenditori che non vogliono avere un intruso in azienda. La forza del paese, le Pmi, sono formidabili e per il nostro paese sono fondamentali ripeto, sono protagoniste, ma la difficoltà sta appunto nel decidere di prendere un manager".

Manager e politica

“Che rapporto deve avere il manager con la politica?”, chiede Perrino. L’importante, secondo Micheli, “è tenerne conto, sarebbe stupido il contrario. In America il lobbismo è una cosa seria, un lavoro, ma da noi è stato interpretato come chiedere favori. Oggi non ci sono più i grandi personaggi delle politica".

Ma il manager deve arruffianarsi i politici? “Deve stargli vicino. Il vero problema secondo me, che allunga i tempi, è la burocrazia. Le leggi sono scritte malissimo e le aziende buttano via il 10-15% di produttività per compilare le carte”.

La cessione del 41% di Ita a Lufthansa: "Un danno terribile"

"La cessione di Ita ai tedeschi di Lufthansa si traduce in un danno terribile per il nostro turismo", spiega Micheli. "La compagnia teutonica - continua - svilupperà linee che andranno a suo vantaggio. E pensare che si poteva vendere ad Air France anni fa, partendo da una posizione di forza. Invece ci ritroviamo a cedere l'ex-Alitalia dovendo pure piatire con i compratori. Questa è la dimostrazione di una classe dirigente non adatta a gestire queste operazioni".

Etica e affari si possono conciliare o è un'illusione?

“Oggi è importante aderire all'Esg. È fondamentale per le aziende per esempio. Però sono costi in più: da qui la necessità di aprirsi con fiducia ai private equity”.

Il manager deve fare il profitto? Scaroni diceva di sì, domanda Perrino. “Odio questa cosa del creare valore”, risponde Micheli.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
"professione managerperrino





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
BMW Group: crescita record delle BEV e premium nel 1° trimestre 2024

BMW Group: crescita record delle BEV e premium nel 1° trimestre 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.