A- A+
Economia
Mediobanca torna all'utile grazie alle cessioni

Tornano utile e dividendo nel bilancio di Mediobanca. L'istituto archivia l'esercizio 2013/2014, chiuso il 30 giugno, con un utile netto di 465 milioni di euro, il dato migliore dal 2009 e che si confronta con la perdita di 176 milioni di euro registrata nell'anno precedente. Agli azionisti sara' proposta la distribuzione di un dividendo di 0,15 euro per azione, dopo il 'digiuno' di un anno fa.  Nel corso dell'esercizio 2013/2014 i ricavi di Mediobanca sono cresciuti dell'11,7% a 1,81 miliardi di euro, beneficiando anche "della diversificazione delle attivita'", segnala l'istituto. Nel bilancio le plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni azionarie per 843,2 milioni di euro hanno compensato l'aumento delle rettifiche sui crediti da 506,5 milioni a 736 milioni (+45,3%). Mediobanca ha inoltre aumentato al 50% gli indici di copertura delle perdite deteriorate, uno dei dati piu' alti del settore che si attesta in media al 44%; la copertura delle sofferenze e' pari al 67%.

Mediobanca ha ceduto nel corso dell'esercizio 2013/2014 partecipazioni azionarie per 843,2 milioni di euro, registrando plusvalenze per 242,5 milioni di euro. In particolare, e' continuata la discesa in Rcs, dal 14,93% che deteneva un anno fa al 6,2% al 30 giugno, con una plusvalenza di 8 milioni di euro. L'istituto ha cosi' superato, al termine del primo esercizio post piano industriale, il 50% del target di cessioni per 1,6 miliardi di euro che era previsto nel piano al 2016. Mediobanca - si legge ancora nella nota - ha azzerato la quota in Gemina (con utili per 70 milioni), Saks (con 29 milioni di plusvalenza), Intesa Sanpaolo (3 milioni di plusvalenza) e i 'cashes' di Unicredit (42,8 milioni gli utili). Sul fronte Telecom, l'istituto segnala che e' stato smobilizzato il prestito soci Telco e che la quota nel veicolo e' scesa al 30 giugno dall'11,62% al 7,34% con utili per 67 milioni di euro.

E' balzato da 17 milioni a 261 milioni di euro l'apporto positivo ai conti di Mediobanca derivante dalla partecipazione in Generali, pari al 13,2% del capitale. Lo rende noto l'istituto, che ha approvato oggi i risultati di bilancio 2013/2014. L'anno ha visto anche per Mediobanca il ritorno alla crescita delle commissioni, salite del 3% a 424 milioni di euro. Nel corso dell'anno Mediobanca ha rafforzato i suoi indici di patrimonializzazione: il Common equity ratio (Cet 1) 'phase-in' e' salito dal 10,3% al 31 marzo all'11,08% a fine giugno; il total capital ratio si A¨ attestato al 13,76%.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mediobancarcsgeneralidividendo
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.