A- A+
Economia
Fininvest/ BankItalia a Berlusconi: "Vendi il 20% di Mediolanum"

Fininvest deve dire addio a oltre il 20%  il controllo di Mediolanum. BankItalia entra a gamba tesa nell'impero delle partecipazioni di Silvio Berlusconi imponendo all'ex Cavaliere di cedere una quota sopra il 9,9% di Mediolanum per la sua mancanza dei requisiti di onorabilità dopo la condanna in Cassazione per l'evasione fiscale in Mediaset. Un diktat che riguarda quasi un  quarto del capitale del gruppo guidato da Ennio Doris (i Doris in tutto hanno circa il 37%). La holding della famiglia Berlusconi ha infatti il 35,13%.

Sulla partecipazione che dovrà essere dismessa in 30 mesi sono stati sospesi tutti i diritti di voto e di conseguenza è sciolto il patto che lega Fininvest a Ennio Doris. "Nel contesto del procedimento relativo all'iscrizione di Mediolanum nell'albo dei gruppi bancari e a seguito della sopravvenuta perdita dei requisiti di onorabilità" di Silvio Berlusconi, Bankitalia, d'intesa con Ivass ha emesso il 7 ottobre un provvedimento arrivato a Fininvest con "le misure previste dalle norme applicabili (art. 24 e 25 TUB), ivi inclusa la dismissione della partecipazione in Mediolanum Spa eccedente il 9,9%".

La dimissione, che riguarda oltre il 20% del capitale, dal momento che la finanziaria di Berlusconi detiene il 30,1% di Mediolanum, "potrà anche avvenire mediante il conferimento in un trust ai fini della successiva alienazione a terzi entro 30 mesi dalla data della sua istituzione", spiega Fininvest in una nota, emessa su richiesta della Consob. Il Cda della finanziaria della famiglia Berlusconi si riunirà per valutare il provvedimento e per adottare le misure necessarie "anche tenuto conto delle caratteristiche e dell'entità della partecipazione in oggetto e della rilevanza di Mediolanum Spa per il mercato, per i suoi clienti e per i suoi azionisti".

Nel frattempo, come conseguenza della sospensione dei diritti di voto per la quota di partecipazione eccedente il 9,9% vien meno l'efficacia del patto di sindacato Mediolanum e Fininvest segnala che, d'intesa con l'altro socio, FinProg Sapa della famiglia di Ennio Doris, darà corso alle azioni conseguenti.

Mediolanum così va giù in borsa (-3%) e il mercato guarda a Ennio Doris come acquirente di una parte delle azioni. Per Intermonte la quota "potrebbe essere riassorbita da membri della famiglia Berlusconi o, in parte, dallo stesso Doris che detiene il 40% del capitale". Anche Equita crede che "la famiglia Doris possa acquistare una quota ma non superiore al 5%" per non concentrare tutto il patrimonio in un singolo asset.

Mediolanum "mantiene e persegue la sua stabile e consolidata presenza nel mercato" "forte della garanzia e della continuativa partecipazione della famiglia Doris, che detiene oltre il 40% delle azioni", hanno fatto sapere i Doris che hanno sottolineato che il gruppo "proseguirà la sua attività nel rispetto delle strategie e dei principi" che lo hanno finora contraddistinto.

Tags:
mediolanumdorisberlusconi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.