A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Intesa Sanpaolo, al via Motore Italia Digitale: 4 miliardi di euro per le PMI

Intesa Sanpaolo: con Motore Italia Digitale 4 miliardi di euro per accelerare la digitalizzazione delle PMI

Con il Digital Loan, la nuova soluzione di finanziamento per le imprese che si avviano alla transizione digitale, Intesa Sanpaolo mette da oggi a disposizione 4 miliardi di  euro per accelerare i processi di trasformazione digitale delle PMI.  Intesa Sanpaolo avvia così Motore Italia Digitale, nell’ambito del più ampio programma strategico Motore Italia lanciato quest’anno con un plafond da 50 miliardi e quale prima iniziativa diretta alle  PMI che attua uno dei cardini del rinnovato accordo con Confindustria annunciato di recente: la nuova iniziativa, infatti, si focalizza su soluzioni finanziarie  e non finanziarie volte a favorire il processo di digitalizzazione delle imprese in coerenza con le linee guida del PNRR e con la sua fase di attuazione. 

Le risorse destinate alla digitalizzazione e innovazione nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza  costituiscono circa il 30% dell’intero Piano e la nuova iniziativa di Intesa Sanpaolo si pone come  acceleratore per favorire gli investimenti delle PMI in un quadro di cambiamento e trasformazione  infrastrutturale del Paese. Con Motore Italia Digitale Intesa Sanpaolo, in linea con quanto previsto nell’Accordo con Confindustria, intende stimolare gli investimenti delle PMI e  accompagnarle nella transizione digitale principalmente lungo due assi: da un lato l’evoluzione digitale della relazione con clienti e fornitori attraverso lo sviluppo di un’offerta multicanale e di strumenti di e-commerce, e dall’altro, l’evoluzione dei processi produttivi dell’impresa verso una infrastruttura digitale e attraverso soluzioni hardware/software, cloud, nuove competenze digitali. 

Un elemento portante del programma Motore Italia Digitale è la disponibilità di Intesa Sanpaolo a  finanziare i progetti delle PMI attraverso una innovativa soluzione finanziaria, il D-Loan, dedicata  a “incentivare” gli investimenti per l’evoluzione digitale delle PMI. Il D-Loan, infatti, riconosce un  beneficio di prezzo sul costo del finanziamento a fronte della definizione e della condivisione di  alcuni importanti obiettivi di trasformazione digitale da parte delle imprese con la banca.  

Stefano Barrese, Responsabile Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, ha dichiarato: “Sarà  fondamentale cogliere concretamente le opportunità della digitalizzazione quale driver di crescita del nostro  Paese: con Motore Italia Digitale e con i partner che ci supportano in questa iniziativa, invitiamo le PMI ad  affrontare ben equipaggiate la transizione epocale che abbiamo di fronte. Oggi con il D-Loan introduciamo  un nuovo strumento destinato a finanziare con 4 miliardi i progetti per lo sviluppo digitale delle imprese e ad  aumentare significativamente il loro livello di competitività sui mercati interni ed esteri. L’obiettivo è  avvicinare le PMI a una più ampia selezione di strumenti non solo finanziari, da affiancare al credito tradizionale e in linea con gli obiettivi di transizione del Paese indicati dal PNRR”. 

Emanuele Orsini, Vice Presidente Confindustria per il Credito, la Finanza e il Fisco ha sottolineato:  Il nostro Paese si trova all’inizio di una ripresa che è essenziale accelerare, sfruttando appieno le  opportunità del PNRR e mettendo in campo ogni possibile iniziativa per consentire alle imprese di vincere le  sfide legate alla fase di straordinaria trasformazione dell’economia che stiamo vivendo, a partire dalla  transizione digitale. Favorire, accompagnare e velocizzare il completamento dei processi di trasformazione  delle PMI in chiave 4.0 è strategico per sostenere l’ammodernamento e la competitività del Paese. L’iniziativa  presentata da Intesa Sanpaolo si inserisce perfettamente nel solco tracciato dall’Accordo ‘Competitività,  Innovazione, Sostenibilità’ siglato di recente tra Confindustria e la Banca. Rappresenta, infatti, uno strumento  importante per moltiplicare, attraverso linee di credito e strumenti finanziari dedicati, le risorse del Piano a  beneficio delle imprese e consentire loro, anche attraverso soluzioni non finanziarie, di colmare il gap digitale  rispetto ad altri Paesi. Permette, inoltre, di cogliere le opportunità offerte dal progresso tecnologico e dalla  digitalizzazione dei processi produttivi, raggiungendo obiettivi di crescita duraturi. Confindustria è impegnata  da tempo a promuovere iniziative che favoriscano la diffusione di una ‘cultura del digitale’, anche grazie  all’azione dei Digital Innovation Hub. In questa cornice è essenziale che siano sostenuti gli investimenti in  nuove tecnologie e formazione 4.0, anche rafforzando il piano Transizione 4.0, che rappresenta il cardine  della strategia per la trasformazione digitale delle imprese”.  

Motore Italia corrisponde, infatti, a una logica integrata con il Piano Nazionale di Ripresa e  Resilienza: ammontano a 120 miliardi di euro le risorse aggiuntive per le PMI che il Gruppo mette  a disposizione (su 400 miliardi complessivi) a integrazione delle risorse pubbliche nell’arco di tale  Piano e specificatamente sulle missioni previste per il rilancio del paese (digitalizzazione, transizione  ecologica, mobilità sostenibile, istruzione e ricerca, inclusione e coesione, salute).  

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    intesa sanpaolointesa sanpaolo 2021intesa sanpaolo digitalizzazionemotore italia digitalepmi digitalizzazionestefano barresestefano barrese intesa sanpaolo
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.