A- A+
Notizie dalle Aziende
Mare Aperto aderisce al Patto contro lo spreco alimentare di Too Good To Go

Il 2 maggio torna la Giornata Mondiale del Tonno, la ricorrenza designata dalle Nazioni Unite per celebrare il ruolo del tonno nella nutrizione mondiale e sottolineare la necessità di una gestione sostenibile della sua pesca. Un mercato che, solo in Italia, ha un valore di oltre 1,3 miliardi di euro.

Quale occasione migliore per Mare Aperto Foods, tra le principali aziende attive in materia di sostenibilità nel comparto delle conserve ittiche, per sottolineare l’importanza del tonno non solo a livello alimentare ma anche in ambito ambientale?

Che il tonno in scatola faccia bene è ormai risaputo. Sano e nutriente quanto quello fresco -grazie alle moderne tecniche di conservazione ed al particolare processo di sterilizzazione- è ricco di proteine nobili, vitamine e sali minerali. Quello di cui si parla poco, però, è il fatto che, anche in abbinamento all’olio, rappresenta uno dei prodotti più “anti-spreco”. Il re della dispensa degli italiani, infatti, presenta ottime prerogative di sostenibilità dato che non genera perdite alimentari o scarti. Oltre ad avere una lunga shelf life, cioè il periodo di tempo in cui mantiene intatte le proprie caratteristiche qualitative nelle normali condizioni di utilizzo, il tonno in scatola non necessita di energia per la sua conservazione perché possiamo riporlo in dispensa, a temperatura ambiente. L’imballaggio poi, una delle voci più impattanti per il consumo dei materiali, è nella quasi totalità costituito da confezioni interamente riciclabili. La lavorazione, infine, garantisce la conservazione delle caratteristiche tramite sterilizzazione, quindi non richiede l’uso di conservanti: grazie ai progressi tecnologici delle aziende produttrici, la scatoletta alimentare oggi è considerata “la Formula 1 dell’acciaio”: leggera, sicura, resistente e sostenibile, comoda, di facile conservazione.

E l’olio? Sarebbe un peccato sprecarlo, perché il tonno in scatola è in grado di arricchirlo di proprietà nutritive che in natura non possiede. In seguito all’abbinamento tra i due alimenti, infatti, l’olio non solo mantiene intatte tutte le proprie caratteristiche organolettiche, ma si arricchisce anche di una maggior quantità di Vitamina D e Omega 3, assorbendole dal tonno stesso. Utilizzarlo, inoltre, ci aiuta a limitare l’aggiunta di altro olio e quindi ad assumere meno calorie.

Per questo motivo, secondo Mare Aperto l’olio contenuto nel tonno in scatola non va eliminato ma può essere riutilizzato per condire oppure come ingrediente per numerose altre preparazioni. E per chi proprio non ne vuole sapere, l’azienda ha in catalogo la linea “Pronto da Gustare “, una serie di prodotti realizzati con un solo filo di olio di oliva, che non necessitano di essere sgocciolati, così come referenze con “solo un filo d’olio d’oliva”, anche extra vergine e certificato biologico.

Mare Aperto e Too Good To Go insieme per il “Patto contro lo spreco alimentare”

Date le caratteristiche anti-spreco del tonno in scatola, non è quindi un caso che Mare Aperto abbia scelto di aderire al “Patto contro lo Spreco Alimentare” promosso da Too Good To Go, l’utilissima applicazione che permette a bar, ristoranti, forni, pasticcerie, supermercati ed hotel di recuperare tramite la vendita online -ovviamente, a prezzi ribassati- il cibo invenduto ma “troppo buono per essere buttato”.

Il Patto prevede un’alleanza virtuosa tra aziende, piccolo dettaglio, supermercati e consumatori, che intende abbattere gli sprechi alimentari nei prossimi anni con azioni e iniziative concrete a tutti i livelli della filiera agroalimentare.

Nell’ambito del patto, Mare Aperto ha deciso di aderire ad alcune delle azioni proposte da Too Good To Go, in particolare, come Azienda Consapevole, per comunicare il proprio impegno nella lotta allo spreco alimentare e sensibilizzare sul tema i propri dipendenti; Consumatore Consapevole, per informare ed educare il consumatore finale sul tema dello spreco alimentare; Fabbrica contro lo Spreco, una serie di iniziative integrate per minimizzare gli sprechi alimentari in azienda, con particolare riferimento ai prodotti in giacenza in magazzino, che non hanno possibilità di essere distribuiti attraverso i canali canonici della filiera alimentare. Un modello integrato, che prevede anche il coinvolgimento del terzo settore, per destinare parte dei prodotti anche a chi si trova in situazioni di difficoltà e allo stesso tempo massimizzare ancora di più l’impatto contro lo spreco alimentare.

Il 53% degli sprechi alimentari in Europa avviene a livello domestico: è per noi importante e fondamentale unire le forze con altri player dell’agroalimentare, come Mare Aperto, per cercare di avere un impatto concreto su questo dato, anche sensibilizzando e informando i consumatori: con un piccolo gesto quotidiano possiamo fare molto per noi e per il pianeta”, afferma Eugenio Sapora, country manager Italia di Too Good To Go.

Lo spreco alimentare e il suo impatto sull’ambiente                                                                                                Si stima che 1/3 di tutto il cibo prodotto nel mondo venga sprecato: tale spreco ha un impatto sulla società, con 820 milioni di persone che soffrono la fame, sull’economia, dove 1.2 trilioni è il valore stimato dello spreco alimentare e sull’ambiente, dove le perdite alimentari equivalgono all’8% di emissioni di gas serra*. Buttare via il cibo, quindi, significa sprecare le risorse utilizzate per la sua produzione, l’imballaggio, il trasporto e lo stoccaggio, ovvero la terra, l’acqua, l’energia.

Mare Aperto -come testimonia il programma We Sea, che riunisce tutta la strategia e gli sforzi dell’azienda e della casa madre Jealsa in materia di sostenibilità e responsabilità sociale- è consapevole che la riduzione dello spreco alimentare è un passaggio importante e dovuto per combattere il cambiamento climatico.

È in quest’ottica che rientra il suo sostegno a iniziative come il “Patto contro lo spreco alimentare” di Too Good To Go: educare il consumatore a mantenere un atteggiamento eco-sostenibile anche in ambito alimentare, evitando inutili sprechi in cucina, rientra tra le priorità di Mare Aperto per contribuire allo sviluppo sostenibile del pianeta.

Commenti
    Tags:
    tonnoscatolamareaperto
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti nei test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti nei test sulle Alpi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.