Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Rifiuti, CDP: il gap territoriale sugli impianti allontana da obiettivi Ue

Rifiuti, CDP: il brief degli analisti evidenzia come per centrare obiettivi Ue sia necessario colmare il divario territoriale sugli impianti

Il brief degli analisti di CDP dal titolo “Rifiuti e divari territoriali: quali prospettive per l’Italia?” fa emergere come una gestione efficiente dei rifiuti sia fondamentale per il pieno sviluppo dell’economia circolare, anche al fine di accelerare la transizione verso un sistema economico a basso impatto di carbonio. In Italia, però, persistono significative differenze nella capacità di trattamento dei rifiuti urbani, in parte riconducibili alla disparità territoriale nella dotazione di impianti. Complessivamente, si stima che il fabbisogno di impianti al 2035 per il trattamento di rifiuti urbani necessario per centrare i target europei ammonti a 5,2 milioni di tonnellate di cui: 2,4 milioni per il trattamento dell’organico, concentrati in particolar modo in Campania, Lazio e Sicilia e 2,8 milioni per il recupero energetico delle frazioni non riciclabili, soprattutto in Sicilia, Veneto e Lazio. 

Nell’ambito dell’economia circolare, l’Italia si distingue per un’eccellente performance in termini di riciclo, a cui contribuiscono in particolare i rifiuti speciali (82%). I rifiuti urbani, invece, scontano maggiori difficoltà di gestione, con un tasso di riciclo che si attesta a circa il 50%, evidenziando la necessità di una netta accelerazione per centrare l’obiettivo del 65% entro il 2035. 

Il ciclo di gestione dei rifiuti urbani presenta alcune criticità di lunga data, fra le quali: il mancato completamento dell’assetto della governance locale soprattutto in alcune aree del Mezzogiorno, punti di debolezza nella raccolta differenziata e forti disparità territoriali nella dotazione di impianti. Ciò si traduce in un elevato conferimento in discarica (19% dei rifiuti urbani), soprattutto al Centro Sud, e in consistenti esportazioni di rifiuti in Regioni non limitrofe, con ricadute sulla spesa sostenuta per il servizio dagli utenti finali. Le riforme e le risorse messe a disposizione dal PNRR per la filiera dei rifiuti, oltre due miliardi, rappresentano un’opportunità importante per colmare i divari territoriali e forniscono una prima risposta alle criticità evidenziate, in particolare, al fabbisogno di impianti per il trattamento e riciclo dei rifiuti organici e di altre frazioni merceologiche.

Il raggiungimento di un’autosufficienza nazionale e regionale consentirebbe di abbattere gli extra-costi associati all’esportazione di rifiuti fuori regione, che grava per il 90% sulle regioni del Centro-Sud, e allo stesso tempo di rafforzare la produzione di energia derivante dal recupero energetico dei rifiuti. Per una gestione moderna ed efficiente dei rifiuti, che consenta di raggiungere gli obiettivi europei in termini di circolarità il brief degli analisti CDP indica quattro fronti su cui agire: favorire l’afflusso di ulteriori risorse verso i progetti di comprovata fattibilità rimasti esclusi dall’assegnazione dei fondi PNRR per esaurimento del plafond; puntare sulla termovalorizzazione quale tecnologia di transizione nel graduale passaggio dal modello di produzione lineare a quello circolare; promuovere soluzioni digitali legate alla tracciabilità dei rifiuti; mettere in atto politiche che mirino a un cambio culturale trasversale, coinvolgendo Pubbliche Amministrazioni, imprese e cittadini al fine di diffondere modelli comportamentali che tengano conto della limitatezza delle risorse e che non prevedano né lo scarto né “l’usa e getta”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cdp briefcdp divario impianticdp economia circolarecdp impianti rifiuticdp obiettivi uecdp pnrrcdp rifiuti




Gli Scatti d’Affari

OVS annuncia la partnership con Rai per la serie tv 'Mare Fuori'

Gli Scatti d’Affari

The Hospitality Experience: annunciata l’apertura del Borgo dei Conti Resort

Gli Scatti d’Affari

Milano, Salone del Mobile: presentata la 62ª edizione

Gli Scatti d’Affari

Milano, AI Festival: conclusa la prima edizione 'Exploring Generative AI'

Gli Scatti d’Affari

ASPI, prosegue la sperimentazione della guida autonoma

Gli Scatti d’Affari

Alia Multiutility, al via la campagna per sensibilizzare al decoro urbano

Gli Scatti d’Affari

Open Fiber, Friuli: annunciata la fase finale dei lavori per il Piano BUL

Gli Scatti d’Affari

BPER e BEI: siglato accordo per sostenere la crescita delle PMI con €1,7 mld

Gli Scatti d’Affari

Roche: approvato in Italia Polatuzumab, il primo anticorpo farmaco-coniugato

Gli Scatti d’Affari

Hospitality: conclusa la 48° edizione del Salone dell’Accoglienza

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


motori
Con la Nuova MINI Countryman C: tra le colline del Chianti

Con la Nuova MINI Countryman C: tra le colline del Chianti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.