A- A+
Economia
Paolo Barilla: "Cibo Made in Italy, non possiamo permetterci prezzi bassi"

Barilla: "Il cibo è un'eccellenza, non può essere low cost"

Nell'odierno contesto globale, il cambiamento climatico è una preoccupazione che supera in importanza l'aumento dei costi dell'energia e l'inflazione, afferma Paolo Barilla, che da pochi mesi ha assunto la presidenza dell'Unione Italiana Food, succedendo a Marco Lavazza, in un'intervista su Il Sole 24 Ore. Questa associazione, rappresentante dal settore alimentare, copre dal forno ai prodotti surgelati, contribuendo al 47% del valore del cibo italiano sulle tavole internazionali.

Leggi anche: Disney e Pan di Stelle, arriva la doppia sorpresa di Natale

L'Unione Italiana Food ha recentemente presentato il suo terzo bilancio aggregato di sostenibilità, sviluppato in collaborazione con Santa Chiara Next, un'azienda spin-off dell'Università di Siena. Dai risultati emerge che l'86% delle aziende esaminate ha investito in innovazione per migliorare la salubrità dei prodotti, il 77% ha ottenuto una certificazione di agricoltura sostenibile e il 65% supporta attivamente le comunità locali. Paolo Barilla sottolinea che la sostenibilità è diventata una componente essenziale della competitività nel settore alimentare. La sicurezza alimentare è un punto di forza per le imprese italiane, che superano i requisiti legali e si distinguono positivamente rispetto ad aziende di altri Paesi. Tuttavia, Barilla identifica la necessità di migliorare la coesione tra le imprese alimentari italiane, che variano da piccole a internazionali, sottolineando l'importanza di un sostegno istituzionale e finanziario per promuovere una maggiore sostenibilità.

Leggi anche: World Pasta Day, Italia prima al mondo per produzione ed export: report

Riguardo ai prezzi dei prodotti alimentari in Italia, Paolo Barilla enfatizza che il Paese non può permettersi di competere basandosi su prezzi bassi. La qualità è la strada da percorrere per mantenere la competitività globale. Tuttavia, riconosce le sfide economiche che alcune famiglie italiane affrontano e suggerisce che ridurre gli sprechi alimentari potrebbe contribuire a contenere l'aumento della spesa alimentare.

Infine, in merito alle previsioni dei consumi per l'anno successivo, Barilla riconosce l'incertezza derivante dalla stagnazione globale dei consumi, influenzata da conflitti e inflazione. Sottolinea la variabilità del mercato del grano, evidenziando l'impatto di fattori climatici e finanziari. Conclude affermando che le aziende alimentari subiscono l'inflazione e che la speculazione finanziaria è al di là del loro controllo. In sintesi, Paolo Barilla affronta questioni cruciali per il settore alimentare italiano, dalla sostenibilità alla competitività globale e alle sfide economiche, offrendo un'analisi approfondita della situazione attuale e delle prospettive future.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.